Questo sito contribuisce alla audience di

Queen Latifah

...oltre l'aspetto fisico

Dana Owens, in seguito conosciuta con il nomignolo arabo di Queen Latifah (dove latifah significa sensibile), nasce il 18 marzo 1970 a Newark, nel New Jersey.

Appare sulle scene Hip Hop nel 1988 con il singolo “Wrath of My Madness”.
Il suo album d’esordio del 1989 All Hail the Queen contiene differenti stili musicali, dal soul, al reggae all’hip hop alla dance.
L’album ha un discreto successo.

Nel 1991 esce il suo secondo album Nature of a Sista, dove si accentua il suo impegno politico e femminista.
Le sue forme rotonde non la mettono per niente in crisi o in ombra. Anzi diventano il suo punto di forza.

La sua grande popolarità in America la deve alla sitcom della Fox “Living Single” (la sua partecipazione dura dal 1993 al 1997).
Coglie quindi la grande occasione e nel 1993 pubblica il suo terzo album Black Reign dedicato al fratello morto in un incidente.
L’album contiene molti singoli di successo, tra cui “U.N.I.T.Y” che oltre a piazzarsi prima nella hit parade Hip Hop americana, fa guadagnare a Queen Latifah il Grammy nella categoria Best Rap Solo Performance nel 1994.

Ma la carriera di attrice la occupa molto di più e così la vediamo in Jungle Fever, House Party 2 e Juice, e nella serie Il Principe di Bel Air (con Willy Smith) e nel 1996 nel film Set It Off.

Sempre nel 1996 qualche guaio con la giustizia. La polizia trova nella sua macchina una pistola e della marijuana. Confessa la sua colpevolezza, e, come spesso succede in America, paga la multa ed è libera!

Nel 1997 la sitcom della Fox viene cancellata, e così Queen Latifah ritorna negli studios a registrare il suo quarto album Order in the Court . I due singoli che avranno più successo sono “Bananas (Who You Gonna Call?)” e “Paper.”
Nello stesso anno appare nei film Sfera e Living Out Loud.

Dal 1999 al 2001 è impegnata tutti i giorni con il suo talk show The Queen Latifah Show.

Nel novembre 2002 ancora qualche guaio con la polizia, che la ferma perche’ ubriaca…ma queste piccole grane vengono messe a tacere grazie alla sua grande performance (il personaggio di Mama Morton) nel musical Chicago che le fa guadagnare la nomination come Best Supporting Actress ai Golden Globes.

Nel 2003 la vediamo al cinema con Steve Martin nella commedia Un Ciclone in Casa (Bringing Down the House).

DISCOGRAFIA
1989 All Hail the Queen
1991 Nature of a Sista
1993 Black Reign
1997 Order in the Court

Argomenti