Questo sito contribuisce alla audience di

Antonello Venditti

prima parte biografia

La carriera artistica di Antonello Venditti, al secolo Antonio, nasce al Folkstudio di via Garibaldi, fucina di molti cantautori dei primi anni ‘70. Nato il giorno 8 marzo 1949 a Roma in via Zara, quartiere Trieste, Antonello Venditti fu indirizzato giovanissimo dalla mamma, Wanda Sicardi, professoressa di latino e greco, allo studio del pianoforte. Ma lo studio troppo accademico dello strumento nonché una nonna troppo apprensiva, lo spinsero ad abbandonare presto il pianoforte.

Approda al Folkstudio durante gli anni del liceo (il “Giulio Cesare“) inizialmente come spettatore, poi proponendo un proprio repertorio, le cui canzoni di punta erano “Sora Rosa” (dedicata alla nonna) e “Roma Capoccia”, entrambe scritte all’età di 14 anni. E’ durante gli anni del liceo che incontra due futuri artisti: Francesco De Gregori e l’attore e regista cinematografico Carlo Verdone, con cui rimarrà sempre grande amico e collaborerà artisticamente (Venditti ha inciso la colonna sonora di “Troppo forte” e Carlo Verdone ha suonato la batteria in due album di Venditti, “Venditti e segreti” del 1986 e “Prendilo tu questo frutto amaro” del 1996). Pubblica il suo primo album nel 1972, “Theorius Campus”, in condominio col suo amico di sempre, Francesco De Gregori, spartendosi le due facciate del disco, la prima di De Gregori, la seconda di Venditti, nella quale compaiono le già citate “Sora Rosa” e la più nota “Roma Capoccia”. Vive artisticamente gli anni ‘70 con grande fermento e partecipazione pubblicando quasi un album l’anno, e diventando uno dei maggiori capisaldi della musica d’autore italiana. Bisogna riconoscere ad Antonello Venditti un grande merito: quello di essere stato il primo cantautore italiano, a parlare con la musica di politica (”Compagno di scuola”), di droga e di sesso (”Lilly”), in un periodo particolare com’è stato quello degli anni ‘70. Argomenti, questi, che hanno portato anche a scomode conseguenze per lui. Ricordiamo infatti la denuncia per vilipendio alla religione di stato nel gennaio 1974 per la canzone “A Cristo”, eseguita in pubblico al Teatro dei Satiri di Roma, e per la quale Venditti fu processato.

Le categorie della guida

Link correlati