Questo sito contribuisce alla audience di

Scott Hicks e Ragazzi miei, 2009

La pellicola è ispirata alle memorie di Simon Carr. Il film è drammatico e commovente, e riguarda una storia realmente accaduta ad un padre che si trova a crescere i suoi figli da solo.

ragazzi miei “Ragazzi miei” è un film drammatico diretto nel 2009 da Scott Hicks(1953). Il regista statunitense ha esordito nel 1975 con il film “Down the wind”, segue “Freedom”, “The INXS: Swing and other stories”, “Call me Mr. Brown”, Sebastian and the sparrow”, “Finders keepers”, The space shuttle”.

Con fama internazionale dirige nel 1996 “Shine”, nel 1999 “La neve cade sui cedri”, nel 2001 “Cuori in Atlantide”, nel 2007 “Sapori e dissapori”. “Ragazzi miei” è uscito nelle sale cinematografiche italiane il 25 giugno 2010. Titolo originale: “The boys are back“.

La pellicola è ispirata alle memorie di Simon Carr. Il film è drammatico e commovente, e riguarda una storia realmente accaduta ad un padre che si trova a crescere i suoi figli da solo.

“Ragazzi miei” vede come protagonista Joe Werr(interpretato da Clive Owen), il quale dopo la morte della sua seconda moglie deve vivere e crescere i suoi due figli Artie ed Harry. Harry è nato dal suo precedente matrimonio. Artie invece cova all’interno di se un dolore immenso per la perdita della madre.

Ma Joe non riesce in un primo momento ad aver tutto sotto controllo ed i tre si muovono verso una vita sregolata, abbandonati a loro stessi.

Fortunatamente Joe si rende conto che non si può vivere in questo modo, e riprende subito le redini della situazione in mano cercando di fare capire ai figli che errare è umano ma che bisogna anche saper correggere i propri errori. Joe nell’educare i figli non farà mai mancare l’allegria e l’esuberanza.

Nel cast: Clive Owen, Nicholas Mcanulty, George Mackay, Emma Booth, Laura Fraser, Julia Blake, Chris Haywood, Erik Thomson, Natasha Little, Emma Lung.

Durata 1 ora e 44 minuti. La sceneggiatura è stata scritta da Allan Cubitt. Distribuito da WALT DISNEY STUDIOS MOTION PICTURES.

Trailer: