Questo sito contribuisce alla audience di

BIO e LOGIA

Continua la rassegna, giunta oramai al 9°anno di presenza nel web, di REIKI E... La rubrica che vi propone in osservazione le molteplici attività creative che l'energia di ReiKi ispira a moltissimi operatori di energia vitale e a qualche commerciante e abile business man.

Continua la rassegna, giunta oramai al 9°anno di presenza nel web, di REIKI E…
La rubrica che vi propone in osservazione le molteplici attività creative che l’energia di ReiKi ispira a moltissimi operatori di energia vitale e a qualche commerciante e abile business man.
Operando nell’informazione del settore naturale raccolgo, colgo, quotidianamente proposte davvero solide e altre decisamente labili. Di questi tempi pare sia sempre più difficile resistere al richiamo della FORMA sulla sostanza. Le case editrici si dibattono tra scegliere di pubblicare materiale accattivante e materiale serio. I centri benessere devono scegliere se proporre tecniche valide o vendibili… (per avere l’ennesima prova del fatto che non vi racconto storie :-) potete leggere il registro marchi depositati QUI!
Ma fa parte dello sviluppo umano, da sempre. Tralasciando come al solito giudizi di merito, confidando come sempre nell’autodeterminazione umana, certa che ciascuno incontra ciò di cui ha bisogno, proseguo anche oggi con proporre una nuova recensione.
Da sempre critico nel contenuto, anche se qualche volta intuisco le buone intenzioni, l’accostare il nome di ReiKi - CHE E’ TECNICA SEMPLICE E POTENTE PER IL RIEQUILIBRIO ENERGETICO - ad aggettivi di ogni genere.
Critico soprattutto l’atto formale, linguistico. Perchè crea inutili distorsioni della tecnica di Usui nella diffusione dell’arte stessa. Come ho già spiegato più volte, ReiKi è una semplice tecnica. Tanto semplice quanto potente che, senza dubbio, supporta e potenzia qualsiasi attività umana. Perciò è ovvio che si accosti perfettamente a tecniche che in qualche modo abbiano a che fare con l’energia vitale. Ma questo non giustifica l’uso (o, meglio dire, l’abuso) del sostantivo REIKI.
Ribadito ciò, vado a introdurre l’ennesimo atto creativo che ho avuto a lungo sotto gli occhi e che, ora, mi si è definitivamente chiarito.
Il culmine di questa arte creativa rivolta all’arricchimento lessicale di ReiKi, è stato raggiunto con la comparsa della sedicente scienza chiamata (e dovutamente registrata come marchio) BIOREIKIOLOGIA! Di nome e di fatto è stata eseguita l’operazione “REIKI E…” dove, invece, ReiKi basta a sè stesso.

Con “BIOREIKIOLOGIA” raggiungiamo il culmine linguistico, perchè non si sono limitati ad accostare al sostantivo l’aggettivo (REIKI… amorevole, REIKI super, REIKI optimum - faccio esempi di fantasia per non suscitare la permalosità dei tanti che, ovviamente, si sentono sempre presi in causa e si offendono delle cose che semplicemente indico).
Qui il sostantivo è stato inglobato tra BIO (bios, genericamente vita, modo di vivere) e LOGIA (genericamente studio di…).

Ma, cos’è questa cosa? Complicato a dirsi, difficile darne una definizione lineare, strutturale.
Si potrebbe dire di tutto un po’, dove si accosta ogni (OGNI) idea, tecnica, sistema che dir si voglia al ReiKi, che tuttavia diviene figura marginale di un insieme disomogeneo di pratiche.
Intanto, al link www.bioreikiologia.it si accede immediatamente a una serie di informazioni che spaziano da: Komyo Reiki, Cristalloterapia, Karuna Reiki, Nenryukan, Fernando d’Anelli.

Per fortuna si legge anche una autoreferenzialista definizione di BIOREIKIOLOGIA, con questa premessa:
“E’ importante sottolineare che nell’autentica BioReikiologia rientrano soltanto le Discipline Olistiche utili per il Riequilibrio Energetico e la “Guarigione Spirituale” .
Che poi continua speganto di cosa di tratta:
“Si tratta di un Cammino che, oltre ad una preparazione sull’Anatomia Sottile e Comparata, comprende varie Discipline tra cui la CristalloTerapia, lo Studio dela Cromoterapia, Karuna Reiki ®, Energia del Suono, Fiori di Bach, Visualizzazione Creativa, Radiestesia e soprattutto il “Reiki” con lo studio delle Tecniche e dei suoi vari stili.”

Lascio a voi, amici in ReiKi, il piacere di sfogliare queste pagine di ennesima creatività.

Voi che seguite con attenzione il percorso di ReiKi in questi anni intensi. Voi che avete praticato ReiKi con altre, straordinarie ed efficaci tecniche, scoprendo come tutto venga potenziato dal questa semplicissima e profonda riconnessione energetica. Voi che sapete quanto sia impegnativo riequilibrare il bisogno di sentirsi riconosciuti e padroni delle cose che si usano.

Questo che avete letto è il secondo tentativo che faccio di recensire l’argomento. La prima pubblicazione è stata misteriosamente censurata. Nel contempo noto con piacere che (come sempre, d’altronde accade. Sono anni che sottolineo al pubblico del web incongruenze che rilevo dalle pagine web di venditori e professionisti. La prima reazione, in generale, è di stizza. In seconda battuta CAMBIANO SEMPRE LE COSE PIU’EVIDENTI nella contraddizzione che ho segnalato).

Sulla Home del sito da me segnalato alcune frasi sono magicamente cambiate ;-) ed è scomparso da talune scritte la (r) di marchio registrato, fatto che veniva invece pubblicizzato.
Ripeto, non emetto sentenze. E come potrei! Non giudico, mi limito a osservare e a comprendete secondo le più elementari leggi della comunicazione ciò che viene scritto sul web.
E mi compiaccio che le osservazioni che faccio sortiscano molto spesso aggiustamenti di rotta, almeno nel linguaggio.
Buona lettura!!!