Questo sito contribuisce alla audience di

Letture e Liturgia del giorno 12/07/2010

Le Letture bibliche e la Liturgia del giorno, secondo il Messale Romano e secondo il Rito Ambrosiano, di lunedì 12 luglio 2010.

Vangelo del giornoLetture e Liturgia del giorno
Lunedì 12 luglio 2010

Lunedì della XV settimana
del tempo ordinario “per annum”
Settimana della VII Domenica
dopo Pentecoste
Anno C

> I Santi di oggi, lunedì 12 luglio 2010

——————————–

Colore liturgico: Verde
Liturgia delle Ore: Volume IV - III settimana del salterio
Liturgia: Is 1,10-17; Sal 49; Mt 10,34-11,1 (anno pari - II)
Accogli, Signore, il nostro sacrificio di lode
Rito ambrosiano: Gs 6, 6-17. 20; Sal 135, 1-4. 16-24; Lc 9, 37-45

——————————–

La liturgia di oggi è una sintesi efficace del cammino del vero cristiano.
La prima lettura ricorda che, per un retto e fruttuoso cammino sulla via del Signore, è necessaria anche la purificazione, per essere costantemente vigili e a recuperare la strada quando la si smarrisce a causa delle debolezze umane.
Nel Vangelo ci viene invece ricordato che è tempo di fare scelte chiare e univoche. Tali scelte, tuttavia, non sono prive di conseguenze. Chi sceglie di seguire davvero e nel profondo la via del Signore troverà anche difficoltà, ostacoli, persone avverse. In questo senso Gesù ammonisce dicendo che non è venuto a portare la pace, ma la spada. Infatti, scegliere Cristo prima di ogni altra cosa, può comportare anche scontri con la società in cui viviamo. La testimonianza dei martiri nel corso dei secoli è la conferma e l’esempio più chiaro di questo fatto.

———————————

Antifona d’ingresso
Nella giustizia contemplerò il tuo volto, al mio risveglio mi sazierò della tua presenza. (Sal 17,15)

Colletta
O Dio, che mostri agli erranti la luce della tua verità,
perché possano tornare sulla retta via,
concedi a tutti coloro che si professano cristiani
di respingere ciò che è contrario a questo nome
e di seguire ciò che gli è conforme.
Per il nostro Signore Gesù Cristo…

Prima Lettura Is 1,10-17
Lavatevi, purificatevi, allontanate dai miei occhi il male delle vostre azioni.
Dal libro del profeta Isaìa
Ascoltate la parola del Signore,
capi di Sòdoma;
prestate orecchio all’insegnamento del nostro Dio,
popolo di Gomorra!
«Perché mi offrite i vostri sacrifici senza numero?
- dice il Signore.
Sono sazio degli olocausti di montoni
e del grasso di pingui vitelli.
Il sangue di tori e di agnelli e di capri
io non lo gradisco.
Quando venite a presentarvi a me,
chi richiede a voi questo:
che veniate a calpestare i miei atri?
Smettete di presentare offerte inutili;
l’incenso per me è un abominio,
i noviluni, i sabati e le assemblee sacre:
non posso sopportare delitto e solennità.
Io detesto i vostri noviluni e le vostre feste;
per me sono un peso,
sono stanco di sopportarli.
Quando stendete le mani,
io distolgo gli occhi da voi.
Anche se moltiplicaste le preghiere,
io non ascolterei:
le vostre mani grondano sangue.
Lavatevi, purificatevi,
allontanate dai miei occhi il male delle vostre azioni.
Cessate di fare il male,
imparate a fare il bene,
cercate la giustizia,
soccorrete l’oppresso,
rendete giustizia all’orfano,
difendete la causa della vedova».

Salmo Sal 49

RIT: A chi cammina per la retta via, mostrerò la salvezza di Dio.

Non ti rimprovero per i tuoi sacrifici,
i tuoi olocausti mi stanno sempre davanti.
Non prenderò vitelli dalla tua casa
né capri dai tuoi ovili.

«Perché vai ripetendo i miei decreti
e hai sempre in bocca la mia alleanza,
tu che hai in odio la disciplina
e le mie parole ti getti alle spalle?

Hai fatto questo e io dovrei tacere?
Forse credevi che io fossi come te!
Ti rimprovero: pongo davanti a te la mia accusa.
Chi offre la lode in sacrificio, questi mi onora;
a chi cammina per la retta via
mostrerò la salvezza di Dio».

Acclamazione al Vangelo
Alleluia, alleluia.

Beati i perseguitati per la giustizia,
perché di essi è il regno dei cieli.

Alleluia.

Vangelo Mt 10,34-11,1
Sono venuto a portare non pace, ma spada.
Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli:
«Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; sono venuto a portare non pace, ma spada. Sono infatti venuto a separare l’uomo da suo padre e la figlia da sua madre e la nuora da sua suocera; e nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa.
Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me; chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me.
Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà.
Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato.
Chi accoglie un profeta perché è un profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto perché è un giusto, avrà la ricompensa del giusto.
Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa».
Quando Gesù ebbe terminato di dare queste istruzioni ai suoi dodici discepoli, partì di là per insegnare e predicare nelle loro città.

Preghiera sulle offerte
Guarda, Signore, i doni della tua Chiesa in preghiera,
e trasformali in cibo spirituale
per la santificazione di tutti i credenti.
Per Cristo nostro Signore.

Antifona alla comunione
Il passero trova la casa, la rondine il nido dove porre i suoi piccoli,
presso i tuoi altari, Signore degli eserciti, mio re e mio Dio.
Beato chi abita la tua casa: sempre canta le tue lodi. (Sal 84,4-5)

Oppure:
Dice il Signore: “Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue,
rimane in me e io in lui”. (Gv 6,56)

Preghiera dopo la comunione
Signore, che ci hai nutriti alla tua mensa,
fa’ che per la comunione a questi santi misteri
si affermi sempre più nella nostra vita
l’opera della redenzione. Per Cristo nostro Signore.

———————————-

> Il calendario liturgico di questa settimana
> Le intenzioni di preghiera del Papa per luglio 2010