Questo sito contribuisce alla audience di

Benedetto XVI dialoga con i giornalisti sull'aereo

Il Papa dialoga con i giornalisti sui temi degli abusi sessuali, delle difficoltà del viaggio e del rapporto tra cattolici e anglicani.

Il Papa in aereo con i giornalistiLa mattina di giovedì 16 settembre è iniziato il viaggio apostolico di Benedetto XVI nel Regno Unito, prima “visita di Stato” di un pontefice romano in terra anglicana.

Sull’aereo che lo portava ad Edimburgo, Benedetto XVI ha incontrato i giornalisti. Rispondendo con molta calma alle incalzanti e precise domande che gli venivano poste, il Papa non si è nascosto dietro giri di parole o frasi diplomatiche. Ha infatti espresso in sincerità e trasparenza il suo stato d’animo e il suo pensiero.

Il Papa ha dichiarato che le «rivelazioni» sullo scandalo degli abusi «sono state per me uno shock e sono motivo di grande tristezza» perché «è difficile da capire come questa perversione del ministero sacerdotale sia stata possibile». Sulla vicenda dei preti pedofili, ha proseguito il Papa, «l’autorità della Chiesa non è stata sufficientemente vigilante, né sufficientemente veloce e decisa nel prendere le misure necessarie». «Ora siamo in un momento di penitenza, di umilità e di sincerità, come ho scritto anche ai vescovi dell’Irlanda. Dobbiamo realizzare un tempo di penitenza e di umilità e dobbiamo rinnovare e reimparare una assoluta sincerità».

Riguardo alle difficoltà del viaggio in una terra che non vede di buon occhio il pontefice romano, il Papa ha dichiarato: «non sono preoccupato perché quando sono andato in Francia mi era stato detto che era il Paese più anticlericale, e quando sono andato in Repubblica Ceca, mi avevano avvertito che era la nazione meno religiosa d’Europa. Sia in Francia che in Repubblica Ceca ho ricevuto un’accoglienza calorosa da parte della comunità cattolica e grande attenzione da parte degli agnostici, ma anche tolleranza di quanti sono anticattolici. Nel Regno Unito sono sicuro che da un lato l’accoglienza sarà positiva, e che dall’altra ci saranno rispetto e tolleranza reciproci. Io vado avanti con grande coraggio e gioia».

Riguardo al rapporto tra anglicani e cattolici, il Papa ha auspicato una maggiore unità tra cattolici e anglicani. «Se [cattolici e anglicani] seguono la priorità di Cristo e non di se stessi, essi camminano anche insieme, perché la priorità di Cristo li accomuna e non sono più concorrenti, ognuno cerca il maggiore numero, ma sono congiunti nell’impegno per la verità di Cristo in questo mondo, e così si trovano anche reciprocamente in un vero e fecondo ecumenismo».

> Programma del viaggio del Papa nel Regno Unito
> L’incontro con la Regina Elisabetta

Inizio del viaggio di Benedetto XVI in Gran Bretagna

Inizio del viaggio di Benedetto XVI in Gran Bretagna Inizio del viaggio di Benedetto XVI in Gran Bretagna Inizio del viaggio di Benedetto XVI in Gran BretagnaInizio del viaggio di Benedetto XVI in Gran Bretagna Inizio del viaggio di Benedetto XVI in Gran Bretagna Inizio del viaggio di Benedetto XVI in Gran BretagnaInizio del viaggio di Benedetto XVI in Gran Bretagna Inizio del viaggio di Benedetto XVI in Gran Bretagna Inizio del viaggio di Benedetto XVI in Gran BretagnaInizio del viaggio di Benedetto XVI in Gran Bretagna