Questo sito contribuisce alla audience di

Il pittore di battaglie

Philips Wouwerman (1619-1668) è stato un grande protagonista del Barocco fiammingo, apprezzatissimo autore sia di intensi dipinti storici che di fini ritratti borghesi. Ma sono soprattutto le sue scene di vita militare a colpire lo spettatore, specialmente quando sviluppate nel realistico caos di un campo di battaglia.



Nato ad Haarlem nel 1618, Philips Wouwerman era figlio primogenito di Pouwels Joosten e della moglie Susanna van den Bogert, entrambi probabilmente originari della regione di Bruxelles. All’epoca Joosten era già un pittore professionista di discreto successo ed è probabile che abbia impartito direttamente i primi rudimenti del mestiere all’erede, anche se mancano prove documentarie a sostegno di tale tesi. Tuttavia anche i fratelli di Philips - Pieter e Johannes Wouwerman - intrapresero la carriera artistica, chiaro segno di una marcata tradizione di tipo famigliare.

Secondo i cronisti dell’epoca, Wouwerman fu poi allievo di Frans Hals, ultimando infine la propria educazione pittorica ad Amburgo, presso la bottega di Evert Decker, apprezzato realizzatore di opere storiche e mitologiche. L’influenza di Decker è infatti riscontrabile sin dai primi lavori professionali di Philips, incentrati soprattutto su scene di caccia e vita militare, ritratte con notevole perizia tecnica ed intenso realismo estetico: è il caso, ad esempio, del magnifico Cavalleggeri in un accampamento militare, dove i personaggi appaiono immersi in un ambiente naturale di vaste proporzioni, illuminato in lontananza dai fuochi di un combattimento d’artiglieria. Ma anche dell’Imboscata, dinamico groviglio di corpi e cavalli, e della Sosta di una Partita di Caccia, con addirittura un cane impegnato a defecare vicino ai suoi stanchi padroni.

Questa straordinaria naturalezza formale contribuì certamente al grande successo di Wouwerman presso la ricca borghesia olandese di metà Seicento, che gli commissionò decine e decine di tele di soggetto anche religioso, come la magnifica Vista del Monte Calvario con Crocifissione del 1652. Membro ufficiale della gilda dei pittori di Haarlem dal settembre 1640, Philips finì quindi per realizzare oltre 1200 quadri in circa trent’anni di carriera, accumulando un’immensa fortuna finanziaria ed immobiliare. Nel 1672 il matrimonio della figlia Ludovica col pittore Hendrik de Fromantiou fu celebrato infatti con una dote nuziale di quasi 20 000 guinee, cifra assai impressionante per l’epoca. Wouwerman non era però presente all’evento, essendo scomparso nella sua città natale quattro anni prima, forse per cause naturali.

Nonostante molti critici abbiano sostenuto la tesi di numerosi viaggi in Francia e in Italia, in virtù delle elaborate composizioni paesaggistiche dei suoi dipinti, non ci sono prove che Wouwerman abbia mai lasciato Haarlem per più di qualche settimana. Più probabile invece che la ricchezza iconografica delle sue opere sia frutto dell’influenza di altri artisti del luogo come Pieter van Laer (1592-1642), maestro indiscusso della pittura paesaggistica di inizio XVII secolo. Molte tele di Wouwerman mostrano infatti dettagli cromatici o figurativi simili a quelli di Van Laer, come ad esempio il vorticoso Attacco alla Diligenza del 1644, conservato nelle collezioni del Principe di Lichtenstein a Vaduz. Ed anche l’estrema tranquillità di alcune rappresentazioni naturalistiche (Paesaggio con Dune, 1645-50) sottolinea la vicinanza tematica e stilistica alle maggiori figure del Barocco fiammingo, impegnate nella creazione di un’arte più dinamica rispetto al vecchio manierismo tardorinascimentale europeo.

Ma sono ancora oggi le spettacolari scene di battaglie, spesso create ad hoc per motivi estetici, a rendere famoso Philips in tutto il mondo. Esse testimoniano infatti una fusione perfetta tra paesaggio ed azione umana, illuminata da tonalità cromatiche e contrasti chiaroscurali di notevole modernità visiva. Un’innovazione ripresa successivamente da giganti ottocenteschi come Ingrès, Gerard e Géricault, vivaci testimoni della sanguinosa tempesta napoleonica.

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti