Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

prossimi 10 »
  • Il Velazquez ritrovato

    Il Metropolitan Museum of Art di New York "riabilita" un ritratto di Filippo IV di Spagna (1605-1665), precedentemente declassato ad opera minore di un allievo del celebre maestro spagnolo. Breve storia di una disputa durata oltre trentasette anni, che svela molto bene le difficoltà di attribuzione per quadri usurati dal tempo e mai restaurati.

  • La bottega di Caravaggio

    A Palazzo Venezia una mostra sperimentale tenta di ricostruire lo studio originale del pittore seicentesco, mettendone in luce il singolare processo creativo. Un'avvincente esplorazione visiva e concettuale, quindi, che chiude degnamente questa lunga annata caravaggesca.

  • Un "Musico" al Campidoglio

    Uno dei più celebri ritratti di Leonardo arriva ai Musei Capitolini, ospite dei festeggiamenti per il centocinquantesimo anniversario dell'Unità d'Italia. Breve profilo di un'opera singolare, capace di influenzare persino il genio ribelle di Michelangelo Merisi un secolo più tardi.

  • I Caravaggisti di Utrecht

    Breve storia del gruppo di artisti fiamminghi che introdusse le novità stilistiche del Merisi nel Nord Europa, influenzando il lavoro di giganti come Rubens e Rembrandt. Una piccola rivoluzione formale, terminata bruscamente dopo due decenni, ma dalle profonde ripercussioni per l'intera pittura seicentesca.

  • Il futuro delle ville venete

    Molti capolavori architettonici di Andrea Palladio e Vincenzo Scamozzi sono in vendita sui principali siti immobiliari stranieri, messi tristemente all'asta dai loro storici proprietari. Non è detto però che tale scelta sia un male, specie se raccolta dai giusti acquirenti.

  • Il lato "proibito" della Cappella Sistina

    Un nuovo studio svela gli "insospettabili" protagonisti del "Giudizio Universale" di Michelangelo: prostitute, omosessuali e manovali osservati dal grande artista durante le sue frequenti visite ai bagni pubblici della capitale pontificia, vero e proprio campionario di povera umanità. Tutti elementi "sacralizzati" poi con successo negli spettacolari affreschi della Sistina, considerati ancora oggi tra i maggiori capolavori religiosi di ogni tempo.

  • Santa Maria del Fiore: un nome misterioso

    Un convegno mette in discussione le vecchie teorie sul nome dato al Duomo di Firenze, svelando inediti retroscena della vita politico-religiosa cittadina nei primi decenni del Quattrocento. Protagonista una potente loggia aristocratica legata al culto di San Girolamo, protettore della ricca Arte della Lana fiorentina.

  • Ponte Vecchio: restauri e polemiche

    Negli ultimi tempi il celebre ponte fiorentino ha subito diversi interventi di restauro, soprattutto sul delicato intonaco del corridoio vasariano: interventi poco graditi dalla locale associazione dei commercianti, che adesso polemizza apertamente con la soprintendenza per la discutibile ritinteggiatura della passerella cinquecentesca.

  • Mappe di Sicilia

    Il banchiere Antonio La Gumina mette in mostra la sua collezione di cartografie siciliane: oltre 200 pezzi originali dal Quattrocento ad oggi sulla celebre isola mediterranea, ospitati sino al prossimo giugno nelle sale di Palazzo d'Orleans a Palermo.

  • L'erotismo di Cranach

    La Galleria Borghese dedica un'ampia retrospettiva al grande pittore tedesco, seguace di Lutero ed audace sperimentatore iconografico del primo Cinquecento. Presenti oltre 30 dipinti dalle maggiori collezioni europee, incluso il capolavoro "Venere e Cupido con un favo di miele" acquistato dal cardinale Scipione Borghese nel 1611.

Le categorie della guida