Questo sito contribuisce alla audience di

La Cucina Povera

Una "cucina povera" perchè i suoi ingredienti sono semplici e genuini e anche perchè è cucina popolare, organizzata intorno a piatti realizzati con quel che si trova a disposizione nelle varie zone del nostro Paese.

Una “cucina povera” perchè i suoi ingredienti sono semplici e genuini e anche perchè è cucina popolare, organizzata intorno a piatti realizzati con quel che si trova a disposizione nelle varie zone del nostro Paese. In questo senso è anche cucina tipica, tradizionale e legata ai prodotti originari. Ma è anche gustosa nello stile di un “arrangiarsi come si può” che non trascura il gusto.
Il servizio di questa settimana è dedicato ai monaci Olivetani dell’Abbazia di Monte Oliveto nel cuore delle Crete senesi. I monaci Olivetani sono famosi per il loro canto gregoriano e per la liturgia in latino. Padre Giacomo Ferrari, l’economo spiega: “Nella nostra Abbazia arrivano persone da tutte le parti del mondo. Si lasciano coinvolgere dalla preghiera. Il convento è concepito come una casa vacanze che mettiamo a disposizione delle famiglie. Produciamo 3.000 quintali di farro all’anno e raccogliamo 500 quintali di uva con cui facciamo il vino per il quale abbiamo chiesto il riconoscimento Doc”.
In allegato il servizio di presentazione de le “Ricette segrete di abbazie e monasteri” volume allegato a Famiglia Cristiana in uscita giovedì 19 giugno. Questa settimana il settimo volume: “La cucina povera”.
http://www.chefdicucinamagazine.com/

Argomenti