Questo sito contribuisce alla audience di

Gaeta - Immersioni: I Piloni

Ci troviamo nell'Oasi Blu di Monte Orlando, esattamente davanti alla spiaggetta dei “vricci”, che in gaetano sono i sassi lisci e rotondeggianti, a brevissima distanza dal Castello Angioino.

Guardando dal mare la spiaggetta, notiamo immediatamente sulla sinistra uno scoglio emergente noto come “la Navetta”.

Proprio davanti alla spiaggetta c’e’ un gavitello del WWF, a volte ce ne sono due, che indica un interessante punto di immersione. Infatti, sul fondo, ad una quindicina di metri, vi sono dei piloni di cemento: tubi di un metro e mezzo circa di diametro, resti della costruzione della raffineria di petroli che, al termine dei lavori del molo di attracco delle petrolifere, furono affondati nella baia del Castello Angioino.

Accatastati gli uni sugli altri, alcuni in posizione verticale e situati su un fondale praticamente piatto, in breve i piloni sono divenuti un polo di attrazione per diverse specie ittiche, come muggini, spigole e saraghi.

Oggi i Piloni si trovano all’interno dell’Oasi Blu di Monte Orlando e sono ritornati a formare un’isola di vita.

Nelle giornate di acqua limpida, non troppo frequenti, l’escursione sui piloni costituisce davvero una bella immersione, indicatissima anche per i neofiti, in ragione della bassa profondità e della ricchezza della fauna marina.

Molti dei piloni, inoltre, sono attraversabili da una parte all’altra senza pericolo, facendo prima una verifica che l’uscita non sia bloccata, ovviamente!

Per chi volesse immergersi ai Piloni, consigliamo di ormeggiare la barca al Gavitello del WWF, perché, come nell’intera Oasi, per proteggere il bentos, è vietato dare fondo all’àncora. E’ questo il motivo per cui sono state sistemate le boe di segnalazione e ormeggio.

Buona immersione!

Le categorie della guida