Questo sito contribuisce alla audience di

Un calendario "vestito"

Una scelta controcorrente quella del Calendario Pirelli: niente nudi!

Ormai quella del calendario senza veli è una tradizione per le nostre stelle, grandi e piccole, dello spettacolo. Ma, rispetto agli anni passati, ci sono stati dei progressi. Non ce n’è più nessuna che dice: “Non lo farò mai!”, tutt’al più dicono che non sono ancora pronte…forse, per un compenso non ancora adeguato! E sempre più protagoniste di questi articoli sexy parlano meno di arte e più di soldi e di grande occasione per farsi pubblicità. Avranno capito forse che l’arte è altro affare? Evidentemente sì!

Assolutamente in controtendenza è il celeberrimo calendario Pirelli di quest’anno, che grazie alla sua incredibile carica di audacia, innovazione, stile e sofisticata sensualità è diventato l’oggetto del desiderio di appassionati, collezionisti, estimatori e VIP da ogni parte del mondo.

Non più corpi nudi, esibiti, ma solo giovani e belle ragazze vestite, modelle e attrici ai loro primi passi, ma che hanno dimostrato di avere la “stoffa” per sfondare. Perchè la vera bellezza è fatta pure di sguardi, di visi e di mani, di luci e di ombre, questo è l’obiettivo di Peter Lindberg, il poeta del glamour, già autore delle immagini dell’edizione 1996, questa volta alle prese con una scenografia cinematografica e con una luce artificiale livida e “carica” a illuminare le sue dodici modelle. Questa è arte!

Le categorie della guida