Questo sito contribuisce alla audience di

Aldo Fabrizi: Poesie romanesche

Magnà e dormì

SpaghettiSo’ du’ vizietti, me diceva nonno,
che mai nessuno te li pò levà,
perché so’ necessari pe’ campà
sin dar momento che venimo ar monno.

Er primo vizio provoca er seconno:
er sonno mette fame e fà magnà,
doppo magnato t’aripija sonno
poi t’arzi, magni e torni a riposà.

Insomma, la magnata e la dormita,
massimamente in una certa età,
so’ l’uniche du’ gioje de la vita.

La sola differenza è questa qui:
che pure si ciài sonno pòi magnà,
ma si ciài fame mica pòi dormì.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • pescepuga

    17 Mar 2009 - 11:36 - #1
    0 punti
    Up Down

    Ho avuto la fortuna di conoscere personalmente Aldo Fabrizi quando abitava in via Arezzo, 54. Una persona squisita che “quanno te mannava a “quer paese” sembrava che te facesse un complimento”. A me me cià mannato cinquant’anni fa e quanno ciaripenso me viè da di: commendatò me lo so meritato.

  • Er Cicerò

    17 Mar 2009 - 12:33 - #2
    0 punti
    Up Down

    Grazie Pescepuga,splendida testimonianza per una persona meravigliosa.