Questo sito contribuisce alla audience di

Roma: proverbi e modi di dire

I detti e le massime popolari della capitale

TrilussaNata come linguaggio popolare, basata sulla tradizione orale, la parlata romanesca assunse con il passare del tempo una sua fisionomia. Amato e odiato, il dialetto romano si caratterizza per le sue forme, espressioni colorite, schiette e divertentissime. Adottato anche dai grandi della letteratura italiana, quali Trilussa e Gioachino Belli si distingue principalmente per la parlata.

Riportiamo alcuni dei proverbi e modi di dire romaneschi riuniti per argomento: le donne, l’amore, i soldi, la fortuna ed i peccati.

Proverbi: Donne, amore

Donna che smena er cul come una quaja, si puttana nun è, poco se sbaja.

E l’amore?

Tutte tajole pe poi fatte piagne,
secondo un giudizio del Belli, che aggiunge nel sonetto Er mejo è peggio:

Mejo sbatte er muso a le colonne, / dormì co un frate e liticà co un prete / che innamorasse de vojantre donne.

Ma il Poeta credeva nell’amore, altrimenti non avrebbe detto nel sonetto Er segreto:
Ner fa a l’amore un goccio de segreto / quanto è gustoso nun potete crede.

Proverbi: Soldi

Chi arubba, nun cià robba,

ma

Chi cià le mano sverte, cià quattrini assai

e non pensa che alla fine

Quello che viè cor finfirinfì, se ne va cor fanfaranfà.

Quattrini, quattrini, sempre quattrini, rovina del mondo, strumento di ogni tentazione, tanto è

vero che

Cassetta de quatrini uperta, farebbe fa er peccato puro a un santo.

E allora si corre il rischio di diventare ladri e…

Ladro una vorta, ladro ogni sempre,

tutto sta a cominciare e quando

Se comincia cor poco, se finisce co l’assai.

Proverbi: Fortuna

Quanno tutto va bene, sò tutti bravi.

Il popolano a sua volta aggiungerebbe volentieri
Grazzie ar cavolo

limitandosi agli ortaggi. Ma le lamentele continuano e

Gnisuno è sazzio de la sù fortuna,

e solo

Chi nasce co la camicia è affortunato:

è raro? si, ma succede. Allora attenzione:

Quanno la fortuna nun ve gira, nù smovete mano e piedi pe svejalla.

Proverbi: Peccati

L’avaro nun è mai sazio;

Sparagna, sparagna arriva er gatto e se lo magna.

Chi magna solo, se strozza.

Chi cià in bocca er fiele, nun po’ sputà miele.

Er gatto de credenza, quello che fa pensa.

Er bovo dice cornuto all’asino.

Modi di dire selezionati in ordine alfabetico

A ciccio de sellero.

Bona notte ar secchio.

Cascà da la padella alla brace.

Dormì da piedi.

E mo come te metti?

Fa bisboccia.

Gatta ce cova.

Hai fame? Tira la coda ar cane. Hai sete? Piscia e beve.

In bocca ar lupo.

Li mejo fichi der bigonzo.

Mettese in testa porta Cavalleggeri.

Nun avè ne arte né parte.

Occhio a la penna.

Pagà a la romana.

Quanno ce vò, ce vò.

Ragno porta guadagno.

San Giuvanni nun micca e nun inganna.

Te conosco, mascherina.

Un ber gioco dura poco.

Voja de lavorà sarteme addosso.

Zinne mosce come dù mazzetti de trippa.