Questo sito contribuisce alla audience di

La Roma che conosco

Testo della canzone di Marco Conidi

"La Roma che conosco"La Roma che conosco la
porto sempre dentro

nei giorni di burrasca e in quelli senza vento

Tra vicoli, palazzi, bar, trattorie

so centomila strade… e so tutte mie

E sono tutte mie le facce della gente

le donne sul balcone, il ricco, il mendicante, posteggiatori, tassinari, barbieri e benzinai

la Roma che conosco non la conosci mai

Non fa’ la stupida stasera

damme ‘na mano a faje dì da sì

Non fa’ la stupida stasera

La Roma che conosco c’ha sempre er sole addosso

e quanno esco ride, e me lo presta spesso.

E pure quanno piove sembra che non disturba

te fracica, te frega… E’ come una donna furba

la Roma se vedemo, dimo, annamo, famo,

non ti devi da preoccupare che tanto te richiamo

la Roma… N’dov’è che devono andare tutti quanti?

Moto, motorini, vespette… ottovolanti.

La Roma che conosco, du’ ore pe fa un metro

però mentre te blocca te fa vedè San Pietro

Non fa’ la stupida stasera

damme ‘na mano a faje dì da sì

Non fa’ la stupida stasera

La Roma che conosco è tavoli in eccesso

e tutti addosso a tutti ma stamo bene lo stesso

basta che quel piatto rimanga sempre quello

guanciale, pecorino… e un pò di quel vinello

Che ce fa uscì contenti tra vicoli incantati

a ride con gli amici oppure innamorati

La Roma che conosco te insegna a fa l’amore

e a ogni bacio aggiunge un pò, un pò del suo sapore.

Così la porti dentro dovunque te ne vai

La Roma che conosco… non la conosci MAI!!

Non fa’ la stupida stasera

damme ‘na mano a faje dì da sì

Non fa’ la stupida stasera

Non fa’ la stupida stasera

damme ‘na mano a faje dì da sì

Non fa’ la stupida stasera