Questo sito contribuisce alla audience di

Giardini di Roma

“Il Pincio”

"Viale del Pincio" I giardini del Pincio sovrastano piazza del Popolo, ed è una passeggiata incantevole soprattutto nelle calde giornate d’estate e si può ammirare anche un fantastico panorama di Roma.

La passeggiata, realizzata da Giuseppe Valadier all’inizio del XIX secolo, è stata aperta al pubblico nel 1828, il terreno era di proprietà della famiglia dei Pincii.

Nei suoi viali si può godere dell’ombra di querce, pini marittimi e palme; è da sempre la passeggiata preferita dai romani e dagli artisti: Stendhal e D’Annunzio ne hanno commemorato l’incanto.

Molti busti commemorativi ornano i viali: omaggi a valorosi patrioti e personalità italiane tra cui Metastasio, Canova, Tiziano ed inoltre il monumento ad Enrico Toti (1922) e a Raffaello (1838).

Dal Pincio potete proseguire la vostra passeggiata verso Villa Borghese o verso la Chiesa di Trinità dei Monti con la sua scalinata che porta in piazza di Spagna.

“…Domina il corso del Tevere e le campagne circostanti da un’altezza di quasi cento piedi: la vista è superba. D’inverno, verso le due, si vedono spesso le giovani signore romane scendere dalla carrozze e incamminarsi a piedi…” (Stendhal)