Questo sito contribuisce alla audience di

Il Calendario Romano

"Le origini Romane del nostro attuale calendario"

"Calendari" Il Nuovo Anno è iniziato ed il calendario del 2010 è entrato nelle nostre case; ma non tutti sanno e non tutti ricordano, anche se lo hanno imparato sui banchi di scuola, l’origine del nostro attuale calendario.

Ne raccontiamo in breve la storia.

Il calendario romano (o calendario pre-giuliano) era un insieme di calendari in vigore nell’antica Roma dalla sua fondazione fino ad arrivare nel 46 a.C. al calendario giuliano.

Secondo quanto ci dice la tradizione, il calendario romano apparve per la prima volta nel 753 a.C. per volontà del fondatore di Roma Romolo; ma fu modificato nei secoli che seguirono, fino ad arrivare nel 46 a.C., quando venne sostituito da Giulio Cesare con il calendario giuliano.

Il calendario romano istituito da Romolo, cambiò molte volte dalle sue origini: era un calendario lunare diviso in 10 mesi con inizio alla luna piena di marzo (il 15), i giorni erano 304 e circa 61 giorni invernali non erano conteggiati nei mesi, in effetti, dopo dicembre, si smetteva di contare i giorni che riprendevano ad essere conteggiati al marzo successivo.

Il secondo dei sette re di Roma, Numa Pompilio, nel 713 a.C. trasformò il calendario con l’inserimento di gennaio e febbraio ai dieci mesi già esistenti.

I giorni di gennaio erano 29 e quelli di febbraio 28: essendo i numeri pari considerati sfortunati, febbraio fu ritenuto adatto ad essere il mese della purificazione: degli altri undici mesi quattro avevano 31 giorni e sette ne avevano 29.

Il pontefice massimo Giulio Cesare istituì, nel 46 a.C., il calendario giuliano, che portò la durata dell’anno a 365 giorni e introdusse l’anno bisestile; dopo la caduta dell’Impero Romano, rimase in vigore fino al 1582 quando venne sostituito da papa Gregorio XIII con il calendario gregoriano.

Il calendario gregoriano è il calendario ufficiale attualmente in uso nella maggior parte dei paesi del mondo; è un calendario solare che si basa sui cicli delle stagioni; l’anno è composto da 12 mesi di 28 o 31 giorni, per un totale complessivo di 365 o 366 giorni; gli anni di 366 giorni sono bisestili e vengono ogni quattro anni.

Trenta dì conta novembre, con april, giugno e settembre, di ventotto ce n’è uno, tutti gli altri ne han trentuno.”