Questo sito contribuisce alla audience di

Canzoni Romane

"Affaccete Nunziata" la canzone che Petrolini portò sulle scene

"Finestra " La canzone romana ebbe una notevole affermazione nell’anno 1893, ed ancora oggi quelle canzoni testimoniano quel bellissimo periodo musicale; la canzone forse più bella e che cantò anche Ettore Petrolini (Roma, 13 gennaio 1884–Roma, 29 giugno 1936) portandola sulle scene teatrali, è questa che vi proponiamo, il testo è di Nino Ilari e la musica di Antonio Guida:

Affaccete Nunziata

"Stelle e luna" “Affaccete Nunzià, core adorato / che ’sta nottata invita a fa l’amore / er celo è tutto quanto / imbrillantato / la luna manna a sfascio lo sprennore. / E tira un venticello dorce dorce / che fa tremà le foje adacio, adacio / a quando ammalappena che le storce / pe’ faje appiccicà tra loro un bacio. / Affaccete Nunziata / boccuccia de cerasa / fravola inzuccherata / fatte vedè lassù. / Però ce manchi tu ‘nde sta nottata, / ce manca la bellezza de quer viso; / quanno t’affacci tu che sei ‘na fata / sto monno se trasforma in paradiso. / Quanno t’affacci te, tutte le stelle / perdeno de bellezza e de chiarore, / perchè tu sei la bella fra le belle / che poi compete co’ quarsiasi fiore. / Affaccete Nunziata / boccuccia de cerasa / fravola inzuccherata / fatte vedè lassù.” //