Questo sito contribuisce alla audience di

La Chiesa di Sant'Alessio sul colle Aventino

"La Chiesa dedicata ai santi Bonifacio di Tarso e Alessio"

"Basilica dei Santi Bonifacio e Alessio Sul colle Aventino, rione Ripa, in piazza Sant’Alessio al n. 23, costruita tra il III e il IV secolo, troviamo la Chiesa di Sant’Alessio, conosciuta anche come Chiesa dei Ss. Bonifacio e Alessio, dedicata ai santi Bonifacio di Tarso e Alessio.

Nel 1216 papa Onorio III (discendente della famiglia Savelli, deceduto a Roma il 18 marzo del 1227), ordinò la riedificazione del complesso; seguirono vari restauri: nel 1582, nel 1750, opera di Tommaso De Marchis e quello tra il 1852 e il 1860 effettuato dai Somaschi.

"Eleonora Boncompagni Borghese" Nell’interno si sono tre navate; in quella sulla destra si trova il monumento funebre di Eleonora Boncompagni Borghese realizzato da Giovan Battista Contini nel 1693, il transetto di destra ospita la Cappella di Carlo IV di Spagna con l’icona dell’Assunzione di Maria che risale al 200 d.C.
Nel pavimento della navata è collocata la pietra tombale di Pietro Savelli; nella navata di sinistra è l’opera di Jean Francois De Troy (Parigi 1679-Roma 1752): “S. Girolamo Emiliani che presenta orfani alla Vergine”; alla fine della navata in legno e stucco, opera di Andrea Bergondi (1722-1789), c’è “La Scala Santa e la chiesa titolare di sant’Alessio”.

"Interno Chiesa dei Ss. Bonifacio e Alessio" Sottostante la chiesa vi è una cripta romanica, il cui altare maggiore contiene le reliquie di Tommaso Becket; sulle pareti un affresco del XII secolo raffigurante l’Agnus Dei e dei simboli degli evangelisti.

La chiesa attuale conserva vari elementi risalenti alle epoche citate: il campanile è romanico, il portico è medioevale; la facciata cinquecentesca, anche se successivamente rielaborata dal De Marchis (artefice anche dell’altare maggiore), ha il portico medioevale.