Questo sito contribuisce alla audience di

29 giugno 2010: Festa dei Ss. Pietro e Paolo

Una lapide ricorda l'ultimo incontro dei due Apostoli mentre andavano verso il martirio

Basilica di San Pietro

Il 29 giugno 2010 Roma festeggia i suoi santi patroni San Pietro e San Paolo, che vengono ricordati nelle chiese con solenni riti soprattutto in quelle a loro dedicate.

La leggenda ci racconta che in Via Ostiense nei pressi della Basilica di San Paolo fuori le Mura, i due apostoli si incontrarono e si salutarono mentre li stavano portando al martirio.

San Pietro subì il martirio della crocefissione con la testa rivolta verso terra, il suo corpo venne sepolto dai discepoli sotto terra vicino al luogo che ora è Piazza San Pietro.

Quando venne costruita la Basilica di San Pietro il suo corpo venne traslato sotto l’Altare della Confessione.

Statua di San Paolo San Paolo venne invece portato sulla Via Laurentina, nella zona oggi chiamata delle Tre Fontane e lì venne decapitato e, sempre secondo una storia che si è tramandata nel tempo, sembra che la sua testa caduta dal corpo e balzando tre volte al suolo fece sgorgare tre fontane, su quel luogo che venne chiamato delle Tre Fontane, si edificò una chiesa in onore del Santo.

Mentre si procedeva alla costruzione della Basilica di San Pietro, Costatino I faceva costruire quella di San Paolo che, sotto il regno degli imperatori Teodosio I, Graziano e Valentiniano II, venne di nuovo riedificata ma completamente distrutta nel 1823 da un incendio, venne ricostruita in seguito sullo stesso luogo.

Statua di San Pietro Eretta sulla tomba dell’apostolo Paolo che non poteva essere traslato, la chiesa all’epoca si trovava distante dalla città, per questo venne chiamata “ San Paolo fuori le Mura”.

Nel luogo dove la leggenda dice che i due apostoli si incontrarono venne successivamente eretta una chiesa chiamata della “Separazione”, oggi rimane solo una lapide collocata nell’Anno Santo del 1975, con un bassorilievo che riproduce i due apostoli nell’atto di accommiatarsi; la lapide porta incise queste parole: “Nei pressi di questo sito una devota cappellina, in onore del Santissimo Crocifisso, demolita agli albori del secolo XX per l’allargamento della Via Ostiense, segnava il luogo dove, secondo una pia tradizione, i Principi degli Apostoli Pietro e Paolo vennero separati nell’avvio al glorioso martirio”.