Questo sito contribuisce alla audience di

Chiesa Ss. Nereo e Achilleo

Una chiesa immersa nel verde ricca di storia e decorazioni

Panorama Chiesa Ss. Nereo e Achilleo

La chiesa dei Ss. Nereo e Achilleo, in Viale delle Terme di Caracalla, venne edificata nel IV secolo, è collocata nel verde di pini e cipressi.

Papa Leone III (Roma, …-12 giugno 816, 96° papa dal 26 dicembre 795 alla sua morte) nell’814 fece ricostruire la chiesa nelle vicinanze del “titulus fasciolae” (nome derivato dall’episodio della benda caduta dal piede di San Pietro mentre era condotto al martirio), per porvi le reliquie dei due martiri che erano state deposte nelle catacombe di Domitilla; delle decorazioni con mosaici che il Papa vi fece apporre, ne restano poche tracce nell’Arco Trionfale.

Facciata Chiesa Ss Nereo e Achilleo Nei secoli a seguire la chiesa fu soggetta ad un notevole declino, solo durante il giubileo del 1475, papa Sisto IV (Francesco della Rovere, Pecorile-Celle Ligure, 21 luglio 1414-Roma, 12 agosto 1484, 212° papa dal 1471 alla morte) la fece ristrutturare.

L’ultima ristrutturazione risale al giubileo del 1600 di cui si occupò, anche finanziariamente, il cardinale Cesare Baronio (Sora, 30 ottobre 1538-Roma, 30 giugno 1607).

Interno Chiesa Ss Nereo e Achilleo L’interno della chiesa si presenta a tre navate, con pilastri ottagonali, che Sisto IV aveva fatto porre al posto delle colonne originali.

Le navate e l’abside sono decorate con affreschi richiesti dal cardinale Baronio, sembra che detti affreschi siano opera del Pomarancio (Niccolò Circignani, Pomarance, c. 1530-1597?).

Nell’altare maggiore sono deposte le reliquie dei santi Nereo, Achilleo e Domitilla.

Sull’altare della navata destra è collocata l’opera del pittore Durante Alberti (Borgo Sansepolcro, ca. 1556-Roma, 1623) “Madonna adorata dagli Angeli”, mentre in quello della navata sinistra troviamo i “Santi Nereo, Achilleo e Domitilla”, opera risalente al 1600.

Facciata laterale Chiesa Ss Nereo e Achilleo La facciata che anticamente era ornata da vari fregi e decorazioni, con nicchie, colonne e finestre ora di quell’antica bellezza conserva solo un’immagine della Madonna e due colonne in granito sono poste a sostegno del timpano all’entrata centrale.

A richiesta possono essere organizzate visite guidate alla chiesa contattando il numero telefonico 065757996.