Questo sito contribuisce alla audience di

Monumenti storici di Roma

La storia della città rivive nelle sue statue e monumenti

Il Bersagliere

Se venite a visitare Roma vi accorgerete che la sua storia non è solo nelle chiese o nei Palazzi antichi, ma anche nelle innumerevoli statue conosciute o poco conosciute e nei monumenti che fanno parte anche loro della grandezza di Roma e dei ricordi di un passato che ha lasciato i suoi segni in ogni angolo, anche il più nascosto, tanto che spesso vi passiamo accanto senza notarle.

Mani di artisti più o meno conosciuti hanno creato opere con mirabile maestria che anche senza parlare ci raccontano le vicende storiche della Città Eterna.

Monumento all'umile Eroe e all'Alpino In Viale Pietro Canonica lo scultore italiano Pietro Canonica ((Moncalieri, 1º marzo 1869-Roma, 8 giugno 1959, nominato Senatore a vita da Luigi Einaudi nel 1950) realizzò nel 1940 una statua in bronzo che riproduce un mulo, chiamato “Scudela”, di proprietà degli Alpini e che ricevette la medaglia d’oro al Valor Militare quando la Grande Guerra ebbe termine, così lo scultore volle onorarlo e nel 1957 una figura di Alpino venne aggiunta accanto al mulo; l’opera è conosciuta con il nome di “Monumento all’umile Eroe e all’Alpino”.

Monumento ai Martiri delle Fosse Ardeatine In largo Martiri delle Fosse Ardeatine, alla fine della Seconda Guerra Mondiale il comune di Roma bandì un concorso per la realizzazione di un monumento in ricordo delle vittime dell’eccidio nel luogo stesso in cui si era compiuto.

L’incarico venne assegnato a due gruppi che erano risultati vincitori a pari merito: quello formato dagli architetti Nello Aprile, Cino Calcaprina, Aldo Cardelli, Mario Fiorentino e dallo scultore Francesco Coccia e quello formato dagli architetti Giuseppe Perugini e Mirko Basaldella.

L’inaugurazione avvenne il 24 marzo del 1949 e venne denominato “Monumento ai Martiri delle Fosse Ardeatine“.

Monumento al Bersagliere In Piazzale di Porta Pia si erge il Monumento al Bersagliere, opera scultorea di Publio Morbiducci e architettonica di I. Mancini, opera realizzata in bronzo e travertino che risale al 1932.

Per la realizzazione venne bandito un concorso nel 1930 sotto la valutazione dello stesso Mussolini.

La scultura in bronzo è alta 4 metri, riproduce un Bersagliere pronto all’assalto ed è collocato su un piedistallo di travertino ai cui lati si notano bassorilievi raffiguranti personaggi ed alcune battaglie a cui hanno partecipato i Bersaglieri.

Questa è solo una piccola parte delle statue che raccontano le vicende storiche della città; ci proponiamo di proseguire questa nostra avventura alla ricerca di monumenti che forse una parte di noi non ricorda ed i turisti a volte ignorano presi da altri monumenti più imponenti.

Foto 2^: www.sovraintendenzaroma.it