Questo sito contribuisce alla audience di

Gira e fai la rota

Stornello Romano che racconta l'amore immutabile ed eterno per Roma

Roma al crepuscolo Gira e fai la rota è uno stornello romano i cui autori furono Carlo Innocenzi (Monteleone di Spoleto, 29 Maggio 1899-Roma 24 marzo 1962) e la moglie Sonia Pcarlwing, nome d’arte Marcella Rivi.

Fu portata al successo anche dalle voci di Alvaro Amici e di Claudio Villa.

Gira, gira e fai la rota

e nun falla mai fermà.

Pavone bianco Quanno ar mattino Roma s’è svejata

pare ‘n pavone quanno fa la rota,

sembra na’ pennellata fatta d’arcobaleno,

pure si piove, pare ch’è sereno.

Gira, gira e fai la rota

nun te devi mai stancà,

gira, gira e fai la rota

e nun falla mai fermà.

A come Amore Te vojo bene e ancora nun lo sai,

ma guarda bene dentro all’occhi miji,

così ce leggerai ‘na lettera d’amore

che ho scritto e sigillata ‘n fonno ar core.

Gira, gira e fai la rota

nun te devi mai stancà,

gira, gira e fai la rota

e nun falla mai fermà.

Roma di notte Io c’ho n’amore che nun ha mai fine,

nun è geloso e nun me dà le pene,

c’ha tere e c’ha colline, è ricco de tesori

è Roma mia, er più grande dell’amori.

Gira, gira e fai la rota

nun te devi mai stancà,

gira, gira e fai la rota

e nun falla mai fermà…