Questo sito contribuisce alla audience di

Er mercato de Piazza Navona

Una divertente poesia del Belli dedicata al mercato che all'epoca si trovava in Piazza Navona

Piazza Navona

Il 20 marzo del 1834 Giuseppe Gioacchino Belli dedicò una divertente poesia al mercato che in quell’epoca esisteva in Piazza Navona:

Er mercato de piazza Navona

Ch’er mercoledì a mmercato, ggente mie,

sce siino ferravecchi e scatolari,

rigattieri, spazzini, bbicchierari,

stracciaroli e ttant’antre marcanzie,

nun c’è ggnente da dì. Ma ste scanzie

de libbri, e sti libbracci, e sti libbrari,

che cce vienghen’ a ffà? ccosa sc’impari

da tanti libbri e ttante libbrarie?

Tu pijja un libbro a ppanza vòta, e ddoppo

che ll’hai tienuto per cquarc’ora in mano,

dimme s’hai fame o ss’hai maggnato troppo.

Che ppredicava a la Missione er prete?

“Li libbri non zò rrobba da cristiano:

fijji, per ccarità, nnu li leggete”.

Foto: www.florenceprints.com