Questo sito contribuisce alla audience di

Il Triveneto richiama i Dogi

Il Nordest, motore pulsante del rugby italiano, sta muovendo le carte nella direzione di un interessante progetto: una squadra che possa elevare il rugby triveneto a livello internazionale, selezionando i[...]

stemma storico dogi rugby clubIl Nordest, motore pulsante del rugby italiano, sta muovendo le carte nella direzione di un interessante progetto: una squadra che possa elevare il rugby triveneto a livello internazionale, selezionando i migliori atleti sulla piazza, e divenendo anche un vivaio per la Nazionale italiana.
Chiunque abbia un minimo di cultura rugbistica, leggendo queste parole avrà certo arretrato la propria memoria fino alla squadra dei Dogi, selezione rugbistica ad invito che ha rappresentato le Tre Venezie della palla ovale per circa un ventennio.

Proprio in questa direzione sembrerebbe muoversi il CIV (Comitato Interregionale delle Venezie), che, sostenuto da alcuni dei più grandi talenti rugbistici degli ultimi trent’anni, alcuni dei quali sono oggi entrati nella sfera politica (si veda, su tutti, Elio De Anna, ex rugbista nazionale ed oggi Assessore allo Sport della Regione Friuli Venezia Giulia), sta calcando affinché il “Progetto Dogi” divenga una nuova e vecchia realtà insieme.

Il progetto è stato discusso a Zelarino di Mestre, e verrà ripreso il 18 novembre presso la Sala della Provincia di Pordenone. Quali siano i dettagli nello specifico, ancora non si è ben capito. Ciò che appare chiaro, tuttavia, è che l’area triveneta della palla ovale, sulla spinta dell’ammissione della Benetton Treviso come candidata italiana alla Celtic League, potrebbe presto avere una propria rappresentativa che si affianchi ed integri la Nazionale Italiana in campo internazionale.

Una nazionale del Nordest? No, molto più semplicemente un team d’eccellenza che rappresenti l’area a più elevata tradizione rugbistica del nostro Paese, e un pozzo a cui attingere per la casacca azzurra…

immagine: lo storico stemma dei Dogi Rugby