Questo sito contribuisce alla audience di

Tutte le scadenze Inail

Le scadenze Inail in materia di assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali


SCADENZE INAIL

DENUNCIA DI ESERCIZIO


Il datore di lavoro, contestualmente all’inizio dell’attività, deve darne comunicazione all’INAIL.

Se, per la natura dei lavori o per l’urgenza del loro inizio, non è possibile fare la denuncia contestuale, la comunicazione può essere effettuata entro i 5 giorni successivi all’inizio delle attività, motivando il ritardo.

AUTOLIQUIDAZIONE DEL PREMIO


Entro il 16 febbraio di ogni anno, il datore di lavoro deve versare il premio assicurativo anticipato e l’eventuale conguaglio relativo all’anno precedente.


DICHIARAZIONE UNIFICATA


La dichiarazione unificata ai fini fiscali, previdenziali e assicurativi (art.4 del D.lgs 241/97) deve essere effettuata nelle modalità e nei termini di cui alla circolare INAIL n. 37/99 e relativo allegato.


DENUNCIA NOMINATIVA ASSICURATI

A decorrere dal 16 marzo 2000 tutti i datori di lavoro pubblici e privati ai sensi dell’art. 14, comma 2, del decreto legislativo 23 febbraio 2000, n.38, devono comunicare all’INAIL “contestualmente all’instaurazione del rapporto di lavoro o alla sua cessazione” i codici fiscali dei lavoratori.

Le nuove disposizioni in tema di denuncia istantanea del codice fiscale dei lavoratori non incidono su quelle relative alla dichiarazione annuale da effettuarsi tramite il modello 770 od Unico per la cui compilazione restano confermate le istruzioni impartite con circolare n.37/1999.


DENUNCIA DI INFORTUNIO


In caso di infortunio sul lavoro, il lavoratore deve informare subito il datore di lavoro che, entro 2 giorni dalla data di ricevimento del certificato medico, deve effettuare la relativa denuncia all’INAIL.

Nei casi di infortunio mortale, la denuncia deve essere effettuata con telegramma entro 24 ore dall’evento.


DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE


In caso di manifestazione di malattia professionale, il lavoratore, entro 15 giorni, deve informare il proprio datore di lavoro consegnando anche il certificato medico.

Il datore di lavoro, entro 5 giorni dalla data di ricevimento del certificato medico, deve presentare la relativa denuncia all’INAIL.


RIDUZIONE DEL PRESUNTO


Entro il 16 febbraio di ogni anno, il datore di lavoro deve comunicare all’INAIL le variazioni delle retribuzioni, qualora presuma che le stesse, nell’anno successivo, siano da erogare in misura inferiore a quelle effettivamente corrisposte nell’anno in corso.


Oscillazione del tasso di premio per prevenzione


L’Azienda deve presentare o spedire all’INAIL entro il 31 gennaio dell’anno per il quale la riduzione è richiesta, una domanda su apposito modello predisposto dall’INAIL.


DENUNCIA DI VARIAZIONE


Il datore di lavoro deve denunciare tutte le variazioni intervenute nell’attività assicurata che comportino modificazioni di estensione e di natura del rischio per i dipendenti, per il titolare assicurato, per i soci e per i collaboratori familiari.
Il datore di lavoro deve, inoltre, denunciare le variazioni riguardanti l’individuazione del titolare dell’azienda, il suo domicilio e la sua residenza, nonché la sede dell’azienda stessa.
La comunicazione deve essere effettuata non oltre il trentesimo giorno successivo a quello in cui è intervenuta la variazione.


CESSAZIONE DEI LAVORI


Il datore di lavoro deve comunicare all’INAIL l’avvenuta cessazione delle attività lavorative a rischio.

La comunicazione deve essere effettuata non oltre il trentesimo giorno successivo a quello in cui è intervenuta la cessazione.


LIBRI MATRICOLA E PAGA


Devono essere tenuti sempre in regola e conservati per almeno 10 anni dopo l’ultima registrazione.

Gli Utenti che utilizzano la vidimazione dei fogli mobili con la “numerazione unica” e quelli che utilizzano la vidimazione in fase di stampa laser devono inviare alla Sede INAIL entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello di riferimento un prospetto riepilogativo dei fogli paga elaborati mensilmente.