Questo sito contribuisce alla audience di

Decreto legge 30.12.2005: privacy, proroga dell'ultimo minuto

Il Consiglio dei Ministri del 22 dicembre 2005 ha approvato il decreto "Milleproroghe" che prevede, tra gli altri, la proroga di alcuni adempimenti per la Privacy. Ennesima proroga, l'italia è una Repubblica fondata sulle proorghe infinite, dal 2003 siamo arrivati al 2006 e non è ancora finita. Possibile una denuncia alla Commissione Europea per violazione del direttiva sul trattamento dei dati.

E’ stato così prorogato dal 31 dicembre 2005 al 31 marzo 2006 il termine obbligatorio per la sola redazione del Documento Programmatico sulla Sicurezza (DPS).

L’articolo 180 del Codice sulla protezione dei dati personali ora così dispone:


Art. 180. Misure di sicurezza
1. Le misure minime di sicurezza di cui agli articoli da 33 a 35 e all’allegato B) che non erano previste dal decreto del Presidente della Repubblica 28 luglio 1999, n. 318, sono adottate entro il 31 marzo 2006.

2. Il titolare che alla data di entrata in vigore del presente codice dispone di strumenti elettronici che, per obiettive ragioni tecniche, non consentono in tutto o in parte l’immediata applicazione delle misure minime di cui all’articolo 34 e delle corrispondenti modalità tecniche di cui all’allegato B), descrive le medesime ragioni in un documento a data certa da conservare presso la propria struttura.

3. Nel caso di cui al comma 2, il titolare adotta ogni possibile misura di sicurezza in relazione agli strumenti elettronici detenuti in modo da evitare, anche sulla base di idonee misure organizzative, logistiche o procedurali, un incremento dei rischi di cui all’articolo 31, adeguando i medesimi strumenti al più tardi entro il 30 giugno 2006.

Slitta, invece, al 28 Febbario 2006 l’obbligo per la P.A. di dotarsi di regolamenti contenenti le regole per il trattamento dei dati sensibili.


Non sono oggetto di proroga invece tutte
le misure minime di sicurezza (antivirus, backup, firewall, nomine degli incaricati), le Informative, le Lettere di Incarico, le deleghe previste dal Codice..

DECRETO-LEGGE 30 dicembre 2005, n.273 Definizione e proroga dei termini, nonche’ conseguenti disposizioni urgenti.

Gazzetta Ufficiale n. 303 del 30-12-2005

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;

Ritenuta la straordinaria necessita’ ed urgenza di assicurare la proroga di termini previsti da disposizioni legislative, al fine di consentire la puntuale attuazione di adempimenti da parte della pubblica amministrazione, nonche’ per corrispondere ad esigenze di ordine sociale ed organizzativo;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 22 dicembre 2005;

Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri, di concerto con il Ministro per i rapporti con il Parlamento e con il Ministro dell’economia e delle finanze;

E m a n a il seguente decreto-legge:

omissis

Art. 10.

Garanzie di sicurezza nel trattamento dei dati personali 1. Al codice in materia di protezione dei dati personali, di cui al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modifiche:

a) all’articolo 180:

1) al comma 1 le parole: «31 dicembre 2005» sono sostituite dalle seguenti: «31 marzo 2006»;

2) al comma 3 le parole: «31 marzo 2006» sono sostituite dalle seguenti: «30 giugno 2006»;

b) all’articolo 181, comma 1, lettera a), le parole: «31 dicembre 2005» sono sostituite dalle seguenti: «28 febbraio 2006».

Art. 40.

Entrata in vigore 1. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sara’ presentato alle Camere per la conversione in legge.

Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Dato a Roma, addi’ 30 dicembre 2005

CIAMPI

Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri

Giovanardi, Ministro per i rapporti con il Parlamento

Tremonti, Ministro dell’economia e delle finanze

Visto, il Guardasigilli: Castelli