Questo sito contribuisce alla audience di

La guida risponde

0 Vota

Appalti e DPI

Domanda

Con la presente chiedo quanto segue: - esiste un Dispositivo di Protezione Individuale per il rischio di scivolamento su pavimentazioni scivolose o rese scivolose da agenti esterni? - se esiste qual è la norma UNI di riferimento? - può il Committente gestore della struttura dove gli operatori di una impresa esterna esercitano la propria attività, imporre l'utilizzo di tali DPI senza aver prima cercato di eliminare il rischio con interventi strutturali specifici (trattamenti con film antisdrucciolo)? - nell'evenienza si verifichi un infortunio riconducibile al rischio di scivolamento quali potrebbero essere le implicazioni penali per il committente e l'appaltatore?

Risposta

L’articolo 2087 del codice civile prescrive al datore di lavoro l’obbligo di perseguire la massima sicurezza tecnologica, organizzative e procedurale tecnicamente fattibile nel luogo di lavoro. Ai sensi dell'art. 3 del D. Lgs. 19 settembre 1994 n. 626 (lettere b, c ed e) il datore di lavoro deve eliminare i rischi "in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico e, ove ciò non sia possibile, loro riduzione al minimo", deve ridurre i rischi alla fonte, e sostituire ciò che è pericoloso con ciò che non lo è, o lo è meno.
Ai sensi dell'articolo 8 comma 9 del D.P.R. 27 aprile 1955 n. 547 (così come modificato e integrato dall’art. 33 del D. Lgs. n. 626/94) "i pavimenti degli ambienti di lavoro e dei luoghi destinati al passaggio (...) devono essere in condizioni tali da rendere sicuro il movimento ed il transito delle persone". L'inosservanza di questa norma è punita con l'arresto sino a tre mesi o con l'ammenda da lire cinquecentomila a lire due milioni.
Ai sensi dell'art. 7 D.P.R. 19 marzo 1956 n. 303 (commi 1-2-3-4) "a meno che non sia richiesto diversamente dalle necessità della lavorazione, è vietato adibire a lavori continuativi i locali chiusi [...] che non rispondono alle seguenti condizioni: (...) c) essere ben asciutti e ben difesi contro l'umidità; d) avere le superfici dei pavimenti (...) tali da poter essere pulite e deterse per ottenere condizioni adeguate di igiene".
Inoltre "i pavimenti dei locali devono essere (...) antisdrucciolevoli": "nelle parti dei locali dove abitualmente si versano sul pavimento sostanze putrescibili o liquidi, il pavimento deve avere superficie unita ed impermeabile e pendenza sufficiente per avviare rapidamente i liquidi verso i punti di raccolta e scarico".
Infine, "quando il pavimento dei posti di lavoro e di quelli di passaggio si mantiene bagnato, esso deve essere munito in permanenza di palchetti o di graticolato, se i lavoratori non sono forniti di idonee calzature impermeabili".
L'inosservanza di questa norma è punita con l'arresto da due a quattro mesi o con l'ammenda da lire un milione a lire cinque milioni.
Come si può quindi agevolmente dedurre dalle citate disposizioni di legge gli interventi di carattere strutturale sono assolutamente prioritari su quelli di protezione individuale, e derivano da una preliminare valutazione dei rischi presenti nel luogo di lavoro, da effettuarsi in modo esauriente e completo conformemente ai criteri desumibili dall’art. 4 del D. Lgs. n. 626/94).
Il committente è obbligato ad adottare il film antisdrucciolo, e può essere costituito in mora dall'appaltatore che può intimargli di adempiere alle prescrizioni antinfortunistiche con raccomandata A.R., la quale, qualora non abbia riscontro entro un termine congruo, verrà trasmessa per competenza all'organo di vigilanza della ASL competente per territorio. Ma è chiaro che questo rimedio estremo deve essere preceduto dal tentativo insistito e ripetuto in sede di trattativa contrattuale di ottenere il completo rispetto delle norme prevenzionistiche.
L'appaltatore, qualora il committente non si adegui all'intimazione , può recedere dal contratto d'appalto per giusta causa, ed essere risarcito del danno così subito a causa delle inadempienze antinfortunistiche del datore di lavoro. Qualora tuttavia permetta l'esecuzione dei lavori in condizioni pericolose per i propri dipendenti, potrà essere considerato responsabile in concorso con il committente per l'infortunio eventualmente patito da uno o più lavoratori dipendenti.
L’utilizzo dei dispostivi di protezione individuale, tra i quali le scarpe antiscivolo, entra in considerazione solo per affrontare i rischi residui, ciò quelli che rimangono presenti anche dopo l’adozione di tutte le misure tecniche, organizzative e procedurali previste dalla legge e dalle norme tecniche.
Tra le norme attinenti l'argomento prospettato possono citarsi l’allegato II del Decreto Legislativo del Governo n° 475 del 4 dicembre 1992 [Attuazione della direttiva 89/686/CEE del Consiglio del 21 dicembre 1989, in materia di ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative ai dispositivi di protezione individuale].
- Requisiti essenziali di salute e di sicurezza
3. Requisiti supplementari specifici per i rischi da prevenire
3.1. Protezione contro gli urti meccanici
3.1.2. Cadute di persone
3.1.2.1. Prevenzione delle cadute a causa di scivolamento
Le suole di usura delle calzature atte a prevenire gli scivolamenti devono essere progettate, fabbricate o dotate di dispositivi applicati appropriati, in modo da assicurare una buona aderenza mediante ingranamento o sfregamento, in funzione della natura o dello stato del suolo.
ORIENTAMENTI CEE RIGUARDO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI SUL LAVORO
ESEMPI DI SITUAZIONI E DI ATTIVITA' LAVORATIVE CHE RICHIEDONO UNA VALUTAZIONE DEI RISCHI (PARAGRAFO 4.3)
(N.B.: si tratta di un elenco illustrativo in cui non sono indicate le priorità, dato che ciò spetta alle persone incaricate della valutazione dei rischi sul posto di lavoro)
(...)
2. METODI DI LAVORO E DISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI
(...)
e) Inciampare e scivolare (superfici bagnate o comunque scivolose, etc.).
(...)
Fra le norme Uni pertinenti possiamo citare le UNI EN 344-345-346-347, che contengono specifiche disposizioni tecniche sulle calzature, tra cui anche sui requisiti delle suole antiscivolo.

sve*** - 19 anni e 10 mesi fa
Registrati per commentare