Questo sito contribuisce alla audience di

Intervista a Bazzani

L'attaccante risponde...

Lazio, presentato Fabio Bazzani. Alla conferenza stampa, ero presente anch’io.

Kite - Signor Bazzani, si è vociferato di un suo squilibrio ormonale, una specie di dipendenza amorosa dalla sua ragazza, la soubrette Alessia Merz. E’ qui per lei, dica la verità? Non mi dica che ha sottoscritto la tessera di Forza nuova….

“Ma non parlatemi di lei, la mia e’ stata una scelta tecnica e professionale. Tutte le voci che si sono succedute negli ultimi giorni sono falsita’. Io sono qui perche’ l’ho voluto”.

Kite - Ok, non se la prenda. Che ricordo le rimane dei suoi ex colori? Cosa le ha dato la Samp, in questi due anni?

“L’impressione e’ che per me il campionato 2004-2005 non sia ancora cominciato.Due ore e mezzo che sono qui e mi sento gia’ alle stelle per l’accoglienza ricevuta. Ho grandissima voglia di lottare e tornare protagonista, finalmente”

Kite - beh, su “Chi” lo era già da prima. Ho visto il servizio fotografico, sa? Un’ultima domanda. Lei si sente, al pari del suo nuovo compagno Di Canio, un apologeta della romanità, un uomo dai modi castrensi, uno che non molla mai e che allo stesso tempo non dà mai segni di squilibrio?

“Io sono stato massacrato più meno come adesso cercano di fare con Di Canio”

Kite - Scusi, ma da chi? Da quelli che cantavano “Bazzani segna per noi”, dal mister che l’ha condotta in nazionale, dalla società che l’ha tutelata sino all’ultimo, o da Simona Ventura nelle ospitate all’Isola dei famosi.

Bazzani si alza e va via.