Questo sito contribuisce alla audience di

Morgan vs Mengoni: è plagio-mania

(foto: www.sky.it) Hanno occupato tre dei primi cinque posti della classifica finale, volendo considerare come una graduatoria finale l’ordine in cui le canzoni escluse dalla finalissima sono state[...]

Ã? guerra tra Morgan e Marco
(foto: www.sky.it)

Hanno occupato tre dei primi cinque posti della classifica finale, volendo considerare come una graduatoria finale l’ordine in cui le canzoni escluse dalla finalissima sono state presentate al pubblico, ma per il vincitore Valerio Scanu, per il terzo classificato Marco Mengoni e per Noemi c’è ora da fronteggiare l’accusa di plagio.

Niente di nuovo, a dir la verità: ogni anno vengono fuori voci su possibili copiature nei pezzi sanremesi. Qualche volta magari sarà stato vero (indimenticabile la querelle Albano-Michael Jackson relativa a Will you be there o quella che ha coinvolto più di recente Loredana Bertè nel Sanremo 2008) mentre in molti altri casi è quasi impossibile riconoscere l’eventuale dolo se brevi passi di una canzone ricordano quelli di un altro pezzo.

Spiace dirlo ma a volte è solo la ricerca di pubblicità a spingere verso la polemica artisti magari in ombra da qualche anno: in fondo le note sono sempre sette, è bene ricordarlo. Può anche essere che i tre giovani in questione l’abbiano fatta realmente grossa, ma molto più inquietante del fatto in sè è che l’accusa a Mengoni venga dal suo mentore Marco Castoldi, alias Morgan. Per chi ha seguito X Factor però la guerra aperta scoppiata tra i due non è un fulmine a ciel sereno: non sono mancati infatti durante la trasmissione i momenti di duro scontro tra i due, il rapporto che Morgan ha avuto con il suo migliore allievo non è sempre stato disteso, anzi non sono mancati i rimproveri anche duri che Marco ha quasi sempre subito senza reagire. Ma da qui a pensare che potesse nascere addirittura una battaglia legale il passo era molto lungo. Sì, battaglia legale perchè dopo che Morgan ha accusato senza mezzi termini Marco di aver copiato una sua canzone nello scrivere Credimi ancora, l’aspirante pop-star di Ronciglione non è stata a guardare e si dice pronto a muovere i suoi avvocati.

I fatti: secondo Morgan Credimi ancora ricalca una canzone che l’ex Bluvertigo aveva scritto per Mengoni ad X Factor, canzone tuttavia mai eseguita. Morgan ha pronunciato queste parole durante un’intervista esclusiva rilasciata all’amica Simona Ventura che dal canto suo non vedeva l’ora di scagliarsi contro l’edizione del reality cui non ha preso parte ed ha subito preso le difese di Castoldi sostenendo “di non aver alcun dubbio che il testo di Credimi ancora sia stato scritto da Morgan”. Mengoni si è prima limitato a rispondere scherzosamente (”Penso sia inutile parlarne, evidentemente la canzone gli piaceva talmente tanto che ha pensato di averla scritta lui…”), poi si è fatto serio promettendo di aprire un contenzioso legale (magari anche contro la Ventura). I suoi avvocati hanno già pubblicato una nota in cui, a nome del gruppo di autori che collabora con Mengoni, “respingono ogni accusa di paternità diversa di quella dichiarata in Siae del brano Credimi ancora” e non risparmiando frecciate a Morgan, accusato di “voler cavalcare l’onda di popoarità della canzone”.

Morgan crede di essere il padre soprattutto dei versi “Forse sì, forse no, forse mai sarà“: la vicenda si commenta da sola, queste parole si ritrovano in mille altre canzoni e la sensazione è che il truce giudice di X Factor non abbia ancora digerito la sua esclusione ed il fatto che Marco possa avere più successo di lui. Il cantautore brianzolo ne ha però per tutti, compresa la Sony, accusata di non voler far uscire La Sera, la canzone che avrebbe dovuto cantare al Festival. Anche in questo caso non si tratta però di una polemica inedita: la guerra tra Morgan e le case discografiche si trascina infatti dai tempi di X Factor. Memorabile una sua lite con i produttori discografici presenti in studio, “rei” di non presentare canzoni adatte ai giovani cantanti e di produrre testi banali e ripetitivi.

Intanto ha parlato Claudia Baldini, l’ex fidanzata di Mengoni, un’altra evidentemente alla ricerca di popolarità riflessa: le sue parole hanno messo a tacere, almeno per ora, le tante voci sulla presunta omosessualità del vincitore di X Factor. “Ci siamo lasciati perchè non andavamo d’accordo, siamo entrambi molto gelosi. Dopo la fine della nostra storia Marco ha sofferto molto ed ha cominciato a mangiare tantissimo: era arrivato addirittura a pesare quasi 100 kili!”. Il racconto di un classico amore giovanile, nato tra i banchi di scuola e finito in piena adolescenza anche se già da allora, sostiene Claudia, “si capiva che Marco adorava la musica e che avrebbe potuto sfondare”.

Ha altri problemi da affrontare anche Valerio Scanu e soprattutto Pier Davide Carone, l’autore del pezzo vincente a Sanremo. Per tutte le volte che, infatti, sarebbe un plagio di una canzone di Franco Simone, cantante anni ‘70-80 da anni assente dai palcoscenici e riemerso nel 2005 fa grazie alla partecipazione al reality (e ci risiamo…) Music Farm. Ma l’autore di Fiume grande non è partito lancia in resta all’attacco come invece fatto da Morgan limitandosi a dichiarare che “inevitabilmente quando ho sentito la canzone mi sono tornate alla mente melodie familiari. Ma non ho intenzione di scatenare alcuna battaglia legale, anzi sono lusingato del fatto che giovani e bravi compositori possano essersi ricordati di una mia canzone”. Non siamo proprio persuasi di quest’ultimo passaggio, ovviamente bisognerebbe sentire la canzone di Simone per farsi un’idea ma tutta ’sta plagio-mania è un pò sospetta.

Solita accusa anche per Noemi o meglio per la coppia Calvetti-Ciappelli, autori dei pezzi di successo nella fin qui giovane ma brillante carriera della cantante romana compreso il sanremese Per tutta la vita, forse la canzone più bella tra quelle ascoltate all’Ariston. In questo caso però l’accusa sembra avere più sostanza: la canzone infatti ricorda oggettivamente molto da vicino Oggi però, scritta nel 2003 da Daniele Babbini che tuttavia compare anche tra gli autori di Per tutta la vita. La matassa si fa ancor più intricata dal momento che la canzone in questione porta anche la firma di Diego Calvetti… Pertanto non partirà nessuna battaglia legale, al massimo si tratta di un semplice conflitto di interessi o di una furbata destinata a rientrare velocemente. “Sono cose che succedono” ha dichiarato un imbarazzato Babbini. La speranza però è che simili imbarazzanti scorciatoie non vengano più usate.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • Gianni Riso

    03 Mar 2010 - 00:38 - #1
    0 punti
    Up Down

    Scusi Davide:

    cito:
    PER TUTTA LA VITA Titolo originale
    Codice ISWC: NON SPECIFICATO

    Autori ed Editori Qualifica Codice IPI
    CALVETTI DIEGO Compositore Musica (C) 00184146271
    CIAPPELLI MARCO Autore del Testo (A) 00198223350
    CALVETTI DIEGO Autore del Testo (A) 00184146271
    WARNER CHAPPELL MUSIC IT. Editore Originale (E) 00221851397

    fonte SIAE.

    Dove lo vede Babbini come coautore ?
    La fonte è facilmente verificabile sul sito
    (http://operemusicali.siae.it/OpereMusicali/musicaSearch.do?metodo=view)

    La cosa imbarazzante è che un giornalismo “gossipparo” di un presunto paladino della verità non si prenda nemmeno la briga di controllare le fonti (siamo all’abc del giornalismo) e basi un argomento trattato su basi palesemente errate. Intenterebbe lei una causa per estromissione dai diritti d’autore di un brano da lei co-scritto oppure prenderebbe la strada dei taralucci e vino ?
    L’unica scorciatoia che vedo è quella di un giornalista che cerca fama e gloria senza merito.