Questo sito contribuisce alla audience di

Tre nomi per Sanremo 2011

(foto: www.francescofacchinettifansclub.com) “Sanremo 2011 sarà condotto da un volto Rai“. Sono state queste le parole con cui il direttore di Rai Uno Mauro Mazza durante la conferenza[...]

La Facchinetti's Family a Sanremo: era il 2007
(foto: www.francescofacchinettifansclub.com)

“Sanremo 2011 sarà condotto da un volto Rai“. Sono state queste le parole con cui il direttore di Rai Uno Mauro Mazza durante la conferenza stampa di chiusura della trionfale edizione dei sessant’anni. Una presa di posizione chiara e netta di fronte ai tanti sussurri sul cosidetto Raiset, ovvero l’asse trasversale ed in più campi tra Rai e Mediaset, che durano da tempo, rinfocolati peraltro dalle sempre più frequenti presenze di volti targati Mediaset sui palinsesti dei primi tre canali.

E rinforzati, per rimanere nell’ambito sanremese, soprattutto dalle ultime due edizioni che, seppur involontariamente e grazie al televoto, non hanno fatto altro che fare pubblicità gratuita ad una delle poche trasmissioni della concorrenza a non fare flop nelle ultime stagioni, ovvero Amici. Da Marco Carta a Valerio Scanu, da due anni più che all’Ariston sembra di stare nelle casette dei Bianchi e dei Blu, ma la televisione di oggi è questa. La dichiarazione di Mazza va dunque, fino a prova contraria, considerata come attendibile e veritiera sebbene sia ancora presto per pensare a chi sarà investito del compito di condurre il 61° Festival. Sarà un’edizione difficile, come sempre, ma resa ancor più ardua dal doversi confrontare con il successo ottenuto da Antonella Clerici, capace a sua volta di far dimenticare i trionfi raccolti da Paolo Bonolis.

Ma nonostante siano passate appena tre settimane dalla fine dell’edizione 2010, impazzano già i nomi relativi al prossimo conduttore dal momento che Antonella si è tirata fuori prima ancora di terminare il suo compito: “Simili esperienze sono irripetibili, almeno a breve distanza”, è stato il succinto commento della Clerici, che non vede l’ora di tornare nell’ambiente a lei più familiare dei fornelli o dei bambini che cantano, laddove può sprigionare con più naturalezza il suo comportamento da vicina della porta accanto.

Sono soprattutto tre i nomi caldi per il Sanremo 2011: uno è antecedente alla dichiarazione di Mazza, mentre due sono emblemi di Viale Mazzini e pertanto appaiono al momento candidature più credibili. Il primo nome è quello, ovvio, di Maria De Filippi. La vera regina di casa Mediaset ha già messo piede sul palco dell’Ariston, lo scorso anno scortando Paolo Bonolis (ma soprattutto Marco Carta) durante la serata finale. Timida ed emotiva, per lei fu una serata da salivazione a zero eppure se la cavò, ma è chiaro che per ora si trova più a suo agio tra troni e casette. Il suo sogno sarebbe forse quello di presentare Sanremo con il marito, ma pare difficile pensare ad un bis di Costanzo al Festival dopo la partecipazione avuta nell’edizione di quest’anno. Ovviamente Maria non potrebbe condurre Sanremo “in prestito” da Mediaset come successo tre anni fa a Michelle Hunziker o come accadde nel 1997 a Mike Bongiorno, perchè in quel caso più che una controprogrammazione debole come successo quest’anno, le reti della concorrenza farebbero prima a trasmettere il Festival a reti unificate.

L’unica soluzione sarebbe dunque quella di un clamoroso passaggio di De Filippi in Rai, una soluzione che magari alla diretta interessata non dispiacerebbe ma che da Cologno Monzese non vogliono neppure prendere in considerazione: Maria è anche autrice dei suoi programmi e ci pensate alla possibilità di assistere a C’è posta per te o ad Amici su Rai Uno? Si tratta pertanto, almeno per ora, di una situazione difficilmente praticabile.

E veniamo ai due nomi caldi di casa Rai. La prima scelta conduce a Carlo Conti, da anni alfiere della prima rete nazionale. Il suo nome è stato fatto a Mazza che non ha smentito, confermando che sulla possibilità di affidare il Festival al conduttore fiorentino si sta ragionando (da tempo, in verità). Si tratterebbe di una scelta davvero aziendalista, in netta controtendenza rispetto a quella legata alla “signora Costanzo”: bandiera della Rai da lungo tempo, Conti è di fatto l’anti-De Filippi, è l’emblema della fedeltà a Viale Mazzini. Dopo gli esordi come conduttore musicale, Conti assicura da anni il pieno di ascolti con I migliori anni e con L’eredità; la sua conduizione non sarà vivace e magari neppure modernissima, ma il suo stile semplice e politically correct fa sì che Sanremo sia nel suo destino, prima o poi. Certo non sarebbe un Festival all’insegna del ritmo, la musica tornerebbe davvero in primo piano ma in Rai ci stanno pensando.

Terzo incomodo ma capace di contare nientemeno che sulla candidatura di Antonella Clerici che ha fatto il suo nome a Sanremo in corso è Francesco Facchinetti. Non sarebbe la prima volta di un ex cantante peraltro già in gara al Festival (ma sulle due partecipazioni dell’allora dj Francesco prima ed in coppia con il padre Roby poi è meglio sorvolare…) che passa dall’altra parte della barricata, in passato era già successo a Loretta Goggi e l’idea non dispiace ai vertici Rai, che in Facchinetti hanno avuto fiducia già da tempo da quando, tre anni fa, gli hanno consegnato la conduzione di X Factor, evento che segnò il suo debutto da presentatore. È vero che il talent show di Rai Due di fatto si conduce da solo, che fanno tutto i cantanti in gara e soprattutto i giudici ma con il passare degli anni Facchinetti è cresciuto acquisendo a poco a poco sicurezza e personalità. Sarebbe la linea giovane, una scelta di rottura con il passato ma, dall’altro lato, una soluzione, al pari di quella legata a Maria De Filippi, che avvicinerebbe ulteriormente la manifestazione al pubblico dei talent show e non è detto che in Rai si voglia fare un simile passo. Già la vittoria di due ex-Amici ha indispettito qualcuno ai piani alti (leggi l’ex direttore artistico Gianarco Mazzi) soprattutto per le modalità legate al televoto, quindi ogni scelta andrà ponderata attentamente. Senza contare che c’è sempre l’ipotesi-Baudo

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • Giuliaxx

    16 Sep 2010 - 08:50 - #1
    0 punti
    Up Down

    al festival io vedrei benissimo Facchinetti…giovane frizzante energico e accoglierebbe anche quella fetta di ragazzi che non guardano il festival!!!baudo è ora che si goda la sua meritata pensione!!!basta col vecchio…la rai ogni tanto sa di naftalina!!!!

  • alessia a

    10 Nov 2010 - 17:01 - #2
    0 punti
    Up Down

    non capisco come mai la canalis non e stata mai presa in considerazione prima e adesso da quando e con clooney sembra la migliore come si vede e presuntuosa e poco professionale non la sopporto e non vedro sanremo