Questo sito contribuisce alla audience di

Milly Carlucci verso Sanremo 2011

È stata l'estate del toto-conduttore. Abitualmente quello di indovinare il presentatore del Festival è un giochino autunnale, ma quest'anno si è cominciato molto prima. Già da maggio sono cominciati a circolare i primi nomi, regolarmente smentiti dai diretti interessati. Ma più passa il tempo più ci si avvicina, forse, alla verità: l'ultimo nome è quello di un volto molto conosciuto in Rai...

Milly Carlucci, l'ultima idea per Sanremo 2011
(foto: www.tvblog.it)

Ci mancava pure Dagospia. Nel turbinio di voci, mai incessanti come quest’anno, legate ai nomi dei conduttori del prossimo Festival di Sanremo, dopo i settimanali ed i quotidiani ora s’inseriscono anche i siti gossippari. Altro giro, altre nominations, dunque, con la speranza, da parte dei diretti interessati, che vedere il proprio nome affiancato alla kermesse canora non equivalga a bruciarlo, sia in termini di possibilità di salire realmente sul palco dell’Ariston, sia in termini più privati, come successo a Belen.

La voce in realtà è stata sparsa da Mario Luzzatto Fegiz, noto critico musicale del Corriere della Sera nonchè uno degli storici di Sanremo. Dagospia si è limitata a riprenderla ed a darle credito. L’ipotesi è che la 61° edizione del Festival verrà condotta sì da Massimo Ranieri, nome sul quale da troppo tempo sono tutti più o meno d’accordo per pensare si tratti di una boutade, ma non in compagnia di Gianni Morandi e di Belen Rodriguez, per un trio che sembra già scoppiato prima di nascere, bensì di un volto molto più familiare, quello di Milly Carlucci, che permetterebbe di dare alla manifestazione una connotazione più “tradizionale”. Si tratta di un’ipotesi realistica e più che percorribile, in linea soprattutto con le scelte di Mamma Rai, perchè sa unire all’affidabilità dell’usato sicuro, benchè neofita in campo sanremese, anche la logica economica. La popolare presentatrice abruzzese, infatti, è già sotto contratto con la Rai e non chiederebbe certo la luna per una manifestazione che pur rappresenterebbe il picco più alto di una carriera in continua ascesa.

Si tratterebbe non solo di un ritorno (Milly era già stata a Sanremo nel 1992 come spalla di Pippo Baudo insieme a Brigitte Nielsen e ad Alba Parietti) di un bis inedito e prestigioso, oltr che impegnativo, dal momento che mai nessuno ha condotto i due spettacoli brevi più importanti della stagione della Rai, Miss Italia e Sanremo. Farlo nello stesso anno, poi, darebbe alla seconda delle sorelle Carlucci la patente di wonder woman del piccolo schermo italiano. È pur vero tuttavia che il concorso di Salsomaggiore chiamato ad eleggere la reginetta della bellezza italiana si è notevolmente ridimensionato nell’ultimo biennio dopo le precedenti crisi di ascolti: quest’anno, come nel 2010, sarà concentrato in tre sole serate, dall’11 al 13 settembre (annunciata anche un’intervista con Alberto di Monaco, ndr) ed il taglio più snello dato da Milly lo scorso anno ha consentito di rilanciare la manifestazione anche in termini di share, seppure con il serio tallone d’Achille della durata delle singole puntate, un tasto dolente per tutti i programmi made in Carlucci. E gli appassionati di Ballando con le stelle ne sanno qualcosa….

Vuoi vedere, staranno pensando in Rai, che la Carlucci non riesca anche a sbancare Sanremo? Dopo Antonella Clerici, si tratterebbe dunque di puntare su un altro volto molto noto ed amato dal pubblico italiano, soprattutto dalla parte femminile, un altro dato che in Viale Mazzini non trascurano affatto. La sua sarebbe una conduzione moderna ma al tempo stesso inserita nei canoni tradizionali, e la conoscenza delle lingue faciliterebbe anche la presenza di ospiti stranieri. Un altro dato che s’incastra perfettamente con questa ipotesi è quello legato al possibile stop per un anno di Ballando: è vero che la fortunata trasmissione potrebbe anche partire con leggero ritardo subito dopo la fine del Festival, ma sembra improbabile un doppio impegno così massacrante anche per una stakanovista dello schermo come la Carlucci.

Certo, bisognerebbe asciugare il programma delle serate, perchè il rischio di finire a notte inoltrata è alto… ma, scherzi a parte, l’ultima idea è già più che un’idea. Tutta da vedere sarebbe però la compatibilità con Ranieri, i cui spazi, di fronte ad una conduttrice vera e non ad un “collega” come Morandi si ridurrebbero sensibilmente. Ma settembre non è lontano, le vacanze finiranno e le idee di tutti diventeranno più chiare…