Questo sito contribuisce alla audience di

Sanremo 2011. Duetti: le strane scelte dei Big

Il conto alla rovescia sta per partire, ma non tutto è ancora pronto per il 61° Festival di Sanremo. Manca qualche ospite, ma le prove generali con l'orchestra sono già cominciate. Quasi completo invece il cast degli ospiti che dovranno impreziosire la serata del venerdì dando un'altra veste ai brani in gara. Le stranezze non mancano...

Per Scamarcio è in arrivo uno strano debutto sanremese
(foto: www.marieclaire.it)

Il menù preparato dallo chef Morandi sarebbe già abbastanza ricco: cantanti insospettabili che si esibiranno all’Ariston, musica che torna non solo a parole al centro del proscenio e metteteci pure una coppia di vallette che promette scintille, anche dal punto di vista interpersonale. Solo il piatto degli ospiti per ora piange un pò, ma c’è ancora tempo per qualche colpo in extremis, che l’organizzazione ha di certo in serbo. L’ultimo a tessere gli elogi della svolta morandiana è stato Luca Barbarossa, un altro convinto dal grande Gianni a tornare al Festival: non solo per “il rapporto di amicizia che ci lega da anni – ha detto Barbarossa – al punto che spesso consulto Gianni anche per i miei lavori musicali, ma perché ho creduto nel suo progetto. E nelle prime prove con l’orchestra ho subito notato un’alchimia che non si vedeva da anni, un’atmosfera sana, non troppo competitiva”. Insomma, il Festival è alle porte ed il prodotto di qualità sembra assicurato anche se questo non garantisce al 100% sul successo in termini di audience e share perché si sa che in tv (e pure al cinema, a quanto pare) tira di più il trash e la risata ad ogni costo.

Eppure bisogna aspettarsi ancora tante sorprese: nella serata del giovedì, ad esempio, una vera gara nella gara, con tanto di vincitore, in cui i cantanti si cimenteranno in pezzi da brivido magari lontanissimo dal proprio repertorio ma soprattutto per la serata dei duetti. Se infatti giovedì 17 febbraio sarà il giorno del tuffo nel passato, ventiquattr’ore dopo tornerà la gara vera e propria con la serata dei duetti e, stando alle scelte dei cantanti per impreziosire il loro pezzo, una tradizione iniziata nel 2005 e candidata ormai a diventare un appuntamento fisso, ci sarà parecchio da divertirsi. Solo Tricarico e Van De Sfroos devono ancora ufficializzare le loro scelte, per gli altri dodici cantanti i “compagni di viaggio” sono già ufficiali o quasi. Note da tempo le accoppiate Patty Pravo-Morgan ed Emma-Francesco Renga, la grande idea è venuta a Roberto Vecchioni che per il suo ritorno a Sanremo dopo quarant’anni ha chiamato niente meno che la Premiata Forneria Marconi, di ritorno due anni dopo lo storico esordio come ospiti nel 2009. Si preparano tre minuti e mezzo densi di emozioni pure.

Non tutti, come tradizione, puntano sui cantanti: è il caso di Al Bano che, impossibilitato a riproporre il duetto con Michele Placido come nel 2009, ha deviato su un altro corregionale, Riccardo Scamarcio. Le doti canore dell’attore andriese ci sono sconosciute, ma c’è da credere che Al Bano saprà rivisitare Amanda è libera in un modo molto originale. Scelta di colore anche per Max Pezzali che punta su Lillo e Greg per una lettura divertente della molto pezzaliana Il mio secondo tempo mentre Arisa lo accompagnerà il giovedì. Non potevano mancare ovviamente i reduci dai talent show: così Anna Tatangelo porterà all’Ariston non come sembrava certo l’ex allieva Dorina Leka, anima rock che sarebbe stata adattissima ad interpretare Bastardo, bensì Loredana Errore, seconda classificata ad Amici 9 alle spalle di Emma mentre la coppia Barbarossa-Del Rosario scommette sulle qualità vocali di Davide Mogavero, secondo classificato ad X Factor e partecipante mancato. A metà tra l’etnico ed il geopolitico le opzioni di Anna Oxa, che darà visibilità alla folk band Marta sui tubi, e della coppia Battiato-Madonia che non si discosta dal suolo catanese invitando Carmen Consoli, di ritorno a Sanremo dodici mesi dopo la toccante interpretazione di Grazie dei fior. Molto curioso sarà vedere all’opera La Crus con Nina Zilli mentre sono classiche le presenze volute da Giusy Ferreri, che farà coppia con Francesco Sarcina delle Vibrazioni e da Nathalie con L’Aura, capace di creare un bel mix con l’opposta vocalità dell’italo-belga. Musica per tutti i gusti, dunque: come sempre qualche accoppiamento risulterà magari meno azzeccato di altri, ma la buona volontà e la fantasia non sono mancati.

Questo il dettaglio dei duetti:

Al Bano/Riccardo Scamarcio; Barbarossa-Del Rosario/Davide Mogavero; Giusy Ferreri/Francesco Sarcina; La Crus/Nina Zilli; Madonia-Battiato/Carmen Consoli; Emma/Francesco Renga; Nathalie/L’Aura/; Anna Oxa/Marta sui Tubi; Max Pezzali/Lillo e Greg; Patty Pravo/Morgan; Anna Tatangelo/Loredana Errore; Vecchioni/PFM. Da comunicare i duetti di Tricarico e Davide Van De Sfroos.