Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

prossimi 10 »
  • Sanremo 2011. Dentro le canzoni dei Big. Terza parte

    Ultima puntata alla scoperta delle canzoni dei Big, a meno di settantadue ore dal via della kermesse. Ultimi cantanti ed ultime curiosità ma solo in ordine alfabetico perchè non ci stupiremmo affatto di vedere Tricarico o Patty Pravo terminare nelle prime posizioni. La Tatangelo si dà al rock, Vecchioni fa il romantico.

  • Le donne a Sanremo. Seconda parte: l'era delle vallette

    Da conduttrici a semplici vallette. L'era moderna regala sempre meno spazio alle donne del Festival. Sfruttata più per la sua immagine, la figura femminile diviene spesso un puro contorno. Dal caso-Brard in giù, con Pippo Baudo nasce il mito della valletta "bionda" e di quella "bruna". Ciò non toglie che all'Ariston siano comparse donne bellissime: da Valeria Mazza a Laetitia Casta passando per Eva Herzigova.

  • Sanremo story: le donne al Festival. Prima parte.

    Perchè le donne a Sanremo non funzionano, se devono condurre? Quella tra il Festival e l'universo femminile è una storia lunghissima. In questa prima parte analizziamo le edizioni affidate a simboli della televisione italiana. Dalla Carrà alla Ventura, storia di Festival in sordina.

  • Sanremo Giovani: ad Anansi la prima tappa

    Ha preso il via l'ultima sfida per i nove aspiranti a Sanremo Giovani 2011: sul palco di Domenica In ... onda è andata in scena la prima delle tre puntate in cui altrettanti ragazzi proveranno a farsi conoscere, e televotare, dal grande pubblico. I primi in gara sono stati Anansi, Micaela Foti e Le Strisce, tutti in gara con brani di Zucchero: ha vinto il trentino. Che vede sempre più vicino il sogno sanremese.

  • Sanremo 2011. Alla scoperta dei nove giovani. Terza parte.

    Due giovani con la musica nel sangue ed un ex bambina prodigio della Clerici-band: ecco gli ultimi tre aspiranti ad entrare nel cast dei Giovani di Sanremo 2011. Micaela Foti, giovanissima calabrese, promette di contendere la vittoria a Raphael Gualazzi: ma per tutti c'è ancora da superare uno scoglio, quello di entrare tra i magnifici sei. Domenica pomeriggio l'inizio della sfida a Domenica In... onda.

  • I grandi del Festival: Milva

    Dopo Rino Gaetano, il viaggio tra i cantanti che hanno fatto la storia del Festival prosegue con Milva. Che in realtà è stata molto più di una semplice cantante rappresentando un raro esempio di eclettismo, con il teatro come grande passione. Il suo rapporto con Sanremo è sempre stato conflittuale: ha il record di partecipazioni al Festival, ma nessuna vittoria.

  • Dopofestival verso il no

    Anche gli ultimi dettagli sono stati sistemati: manca davvero solo l'annuncio per ufficializzare il trio Morandi-Belen-Canalis a Sanremo 2011 con gli intermezzi comici di Luca e Paolo de Le Iene. Definiti, ma top-secret, gli ingaggi mentre si va verso la rinuncia al Dopofestival, per motivi di bilancio.

  • Sanremo 2011: Morandi aspetta l'ufficialità

    Si attende entro la fine della settimana l'ufficializzazione del nome di Gianni Morandi come conduttore di Sanremo 2011: un'idea nota almeno da luglio ma su cui i vertici Rai si sono diretti con decisione solo da qualche settimana. Al suo fianco quasi sicura Manuela Arcuri, probabile Vanessa Incontrada. I motivi di un annuncio così tardivo.

  • La nuova vecchia Anna Oxa

    Ritorna sulla scena una delle cantanti più discusse ed al contempo amate della musica italiana, capace anche di fare la storia di Sanremo in ruoli diversi: Anna Oxa pubblica Proxima, il suo nuovo album dopo quattro anni di assenza totale dalle scene. A novembre partirà il nuovo tour, alla scoperta della nuova frontiera di un'interprete mai uguale a se stessa.

  • Simona Molinari: più Delizia che Croce

    Uscito all'inizio dell'estate, il nuovo album di Simona Molinari ha subito raccolto consensi. Come inevitabile che fosse per l'artista che, lanciata da Sanremo 2009, ha intrapreso un percorso musicale molto interessante, all'insegna della tecnica e dell'ispirazione. Cantautrice vera, sa unire alla profondità dei suoi testi un'interpretazione originalissima che affonda le radici nel jazz. Un unicum nel panorama musicale femminile italiano.