Questo sito contribuisce alla audience di

Sabbia nera al poetto di Cagliari

E' partita la polemica nei confronti dei lavori al "poetto", la spiaggia dei cagliaritani.

Non decolla. Considerata la sua ricchezza potenziale, il Poetto-industria ha un bilancio misero: 15 miliardi (di lire) l’anno, giro d’affari che potrebbe però raddoppiare se - sognano esercenti e operatori commerciali - venissero moltiplicate attività e proposte per bagnanti e turisti. «Si può fare di più e ricavare almeno il doppio», concordano gli addetti ai lavori. Chiariscono: «Così come sono organizzati, i tredici chilometri di lungomare da Marina Piccola a Margine Rosso offrono ancora troppo poco». Non c’è un albergo, per esempio. «Assurdo, se l’obiettivo è catturare i turisti».
Aspettando l’arrivo della grossa condotta spara-sabbia (ieri all’altezza della quarta fermata) baristi e titolari degli stabilimenti balneari trattengono il respiro. Osservano la nuova rena grigio-piombo vomitata dalla draga “Antigoon”, fremono: «Speriamo funzioni, che la sabbia schiarisca». Altrimenti? Mario D’Aquila, 71 anni, proprietario dello stabilimento fondato dal padre nel 1925, non prende neppure in considerazione l’ipotesi: «Vedrete, diventerà bianca. Bisogna pazientare, dare tempo al tempo». Nella spiaggia del suo stabilimento (il D’Aquila, 350 cabine, prenotazioni degli abbonamenti per la prossima stagione balneare dal 16 marzo al 7 aprile) una trentina di persone si scaldano al sole.

Articolo de L’Unione Sarda continua sotto