Questo sito contribuisce alla audience di

Assolo

Situato ai piedi della giara ne possiede il versante che va da Scala Margiani, al confine con Nureci, fino a Corona Arrubia con Albagiara. Ricco di fitti boschi di leccio è sovrastato...

Situato ai piedi della giara ne possiede il versante che va da Scala Margiani, al confine con Nureci, fino a Corona Arrubia con Albagiara.

Ricco di fitti boschi di leccio è sovrastato da una continua parete rocciosa interrotta solo da stretti passaggi.

La presenza delle acque di Garusa e Cabirada, i fitti boschi di lecci e di rovere secolari, la posizione strategica, hanno reso questi siti abitati fin dai tempi più remoti.

Numerosi sono infatti in questa zona i nuraghi come Mummuzzola, Moro, Planu Narbonis e Sassaioni. Ancora , verso Villa Sant’Antonio,i nuraghi di San pietro e Santa lucia.

Presso la chiesetta di Santa Lucia si hanno le tracce più evidenti della dominazione romana,con resti di tombe, terme, ceramiche e con una lapide mortuaria inserita nei muri della chiesa.

Di fronte alla Giara si eleva il colle di Giuerreddu, separato da questa dagli agenti erosivi.

Sul tavolato si fronteggiano i due nuraghi di Giuerreddu e Giuerreddu Mannu, e da qui, nelle limpide giornate è possibile vedere il mare.

Le località maggiormente frequentate sono conosciute con i nomi di “Cabirada“ e “Barracca ’e Chiccu Soi“, presso le quali si trovano diverse “scale” naturali da cui si può facilmente accedere all’altopiano della Giara.

Interessantissimo il centro storico con le tipiche case campidanesi dalla tipologia a corte, gli originali portali, i cortili e “lollas”, esempi di un’architettura rurale tutta da valorizzare.

Argomenti