Questo sito contribuisce alla audience di

Fonni

Grosso centro pastorale, posto su un pianoro granitico alle falde settentrionali del Gennargentu, con i suoi mille metri è il paese più alto dell’isola.

Situato al centro della Barbagia di Ollolai, oggi, Fonni è facilmente raggiungibile percorrendo il primo tratto della strada a scorrimento veloce che collega Nuoro con Lanusei. Grosso centro pastorale, posto su un pianoro granitico alle falde settentrionali del Gennargentu, con i suoi mille metri è il paese più alto dell’isola. Si segnalano in particolare i siti di Gremanu, dove sta nascendo il parco archeologico; il nuraghe Logomache, di originale e complessa struttura, le perdas fittas, tra Fonni e Gavoi, le tombe di giganti di Bidistili e quelle di Madau. La località Gremanu si trova alle falde dei monti del Gennargentu nei pressi del passo di Caravai, vicino al passo Correboi. Le tombe di Madau si trovano in località Pratobello raggiungibile dalla strada a scorrimento veloce o dalla provinciale che si diparte da Fonni. Nella parte alta dell’abitato è situata la Basilica di Santa Maria dei Martiri comprendente il convento, la basilica e l’oratorio. Il convento e l’antica chiesa della SS. Trinità furono fondati nel 1610, nel 1700 la chiesa fu ampliata diventando basilica”, mentre la costruzione dell’Oratorio risale al 1759. Una scalinata porta ad un spazioso cortile antistante la chiesa, mentre sulla destra un passaggio secondario permette l’ingresso anche agli automezzi. La seicentesca chiesa della SS. Trinità comprende la navata e il presbiterio centrale, l’antica sagrestia e le cappelle, sulla sinistra, dell’Immacolata Concezione dell’Agonia e del Crocifisso e, sulla destra, del S. Cuore e di S. Antonio di Padova. L’ampliamento del 1700 comprende la navata della Madonna dei Martiri, il presbiterio della stessa, la cappella di S. Rosa da Viterbo sulla destra e quella di S. Salvatore da Horta sulla sinistra, la nuova sagrestia, la cappella delle reliquie, la cripta e l’oratorio di S. Michele.Fonni è l’unico centro sardo dotato di impianti di risalita, situati sul Bruncu Spina, che consentono la pratica degli sport invernali. Il territorio è ricco di acque sorgive e minerali, fiumi e laghi, di aree boschive e una flora e una fauna esclusive. Queste caratteristiche fanno di Fonni un centro amato dai turisti come soggiorno sia estivo che invernale. Diverse escursioni, in fuoristrada, a cavallo e a piedi permettono di venire a contatto con i molti siti archeologici, con la fauna e la flora di cui la zona è popolata, con le tradizioni, gli usi e i costumi locali.Oltre al settore turistico è in forte crescita quello artigianale con la produzione di tappeti e monili in oro, mentre in quello alimentare, alla produzione del famoso biscotto si affiancano i formaggi di solo latte caprino del caseificio Capralà e i salumi tipici di Fonni prodotti secondo le antiche ricette dal salumificio artigianale Fattorie Gennargentu.