Questo sito contribuisce alla audience di

Sagra del Mirto

Telti 19-21/08/2005 Ogni evento nasce dalla fusione e dal coordinamento di elementi differenti: la scelta del luogo, la scenografia, i profumi, i sapori, i protagonisti, la tradizione, l'impiego di risorse artistiche.

Ogni evento nasce dalla fusione e dal coordinamento di elementi differenti: la scelta del luogo, la scenografia, i profumi, i sapori, i protagonisti, la tradizione, l’impiego di risorse artistiche.

L’undicesima sagra del mirto di Telti si propone per il 2005 di rinnovare ed accrescere il successo delle edizioni precedenti, completando la manifestazione con l’evento fieristico “Gallura in fiera”, che nasce all’interno della fortunata sagra rurale, arricchendola.

Nella scorsa edizione così come nelle edizioni precedenti, i visitatori che hanno affollato le aree della sagra durante i tre giorni di manifestazione sono stati circa dodicimila.

“Sagra del mirto” & “Gallura in fiera” con l’organizzazione congiunta della pro-loco di Telti e “Gallura fiere”, vero punto di riferimento dell’ospitalità e dell’organizzazione del nord dell’isola, sono in grado di offrire una vasta panoramica dei prodotti tipici frutto di una autentica produzione locale, ai quali si uniscono oggetti dell’artigianato sardo, entrambi generatrici di percorsi turistici alternativi, che trovano nei luoghi degli stazzi galluresi il punto più significativo di incontro e confronto.

Chiave del successo della manifestazione che ogni anno continua a richiamare visitatori ma anche operatori economici nel campo del turismo e della ristorazione sono la massiccia presenza di associazioni di categoria, convegni e tavole rotonde, le molte aziende espositrici con marchi prestigiosi sinonimo di qualità, oltre alle dimostrazioni pratiche sui sistemi produttivi in uso attuale e passati unite a degustazioni, concerti e spettacoli serali, menu nella tipica cucina locale teltese.

Se l’esposizione e i convegni consentono di aggiornarsi sulle ultime novità e proposte, la possibilità di vedere all’opera artigiani e lavoratori con tecniche passate e attuali, unito alle degustazioni, si è dimostrata essere uno stimolo senza pari per tutti i visitatori.

Link correlati