Questo sito contribuisce alla audience di

Creuza de Mà

Quattro giorni all’insegna dei legami fra cinema e musica: a Carloforte, da domani (giovedì 10 settembre) a domenica, ritorna “Creuza de Ma’”, il festival organizzato[...]

Quattro giorni all’insegna dei legami fra cinema e musica: a Carloforte, da domani (giovedì 10 settembre) a domenica, ritorna “Creuza de Ma’”, il festival organizzato dall’associazione culturale Backstage con la direzione artistica del regista Gianfranco Cabiddu. Alla sua terza volta, l’appuntamento sull’isola di San Pietro – a mezz’ora di traghetto dalla costa sudoccidentale sarda – ripropone la formula collaudata nelle precedenti edizioni, con un programma fitto di proiezioni, concerti, incontri con musicisti e registi, dal pomeriggio alla notte. Fra gli ospiti in arrivo, i registi Davide Ferrario e Costanza Quatriglio, la cantante Nada, il violinista Alexander Balanescu e Mauro Pagani, nome emblematico per questo festival che nel titolo (ma non solo) rende omaggio a Fabrizio De André.

Si comincia domani (giovedì 10), dunque, alle 18 al Cinema Cavallera. Dopo la proiezione di una clip girata durante l’ultima edizione di “Creuza de Ma’”, il primo evento è “Silent Movie”, un progetto originale di sonorizzazione dal vivo di due film corti di Buster Keaton, “One Week” (del 1920) e “The High Sign” (1921). Ad accompagnare le immagini in bianco e nero, la “soundtrack” sull’istante de I comparetti di Paddeu, inedita e ironica denominazione per un trio che riunisce l’attore e musicista Pierfrancesco Loche (voce ed effetti sonori) con Danilo Cherni (tastiere) e Maurizio Rizzuto (percussioni), due musicisti già apprezzati (tra l’altro) accanto a Sabina Guzzanti negli spettacoli “Reperto Raiot” e “Vilipendio”.

Alle 19:30, sempre al Cinema Cavallera, parte invece l’omaggio ai Maestri che ogni edizione del festival dedica alle collaborazioni più famose fra registi e musicisti. Dopo Federico Fellini con Nino Rota e Dino Risi con Armando Trovajoli, quest’anno “Creuza de Ma’” rende tributo al sodalizio artistico di Sergio Leone e Ennio Morricone attraverso quattro classicissimi del “western all’italiana”. Apre il ciclo di proiezioni (domani, giovedì 10) “Per un pugno di dollari”, uno dei primissimi film del genere (è del 1965), con Clint Eastwood e Gian Maria Volonté e, nella colonna sonora, il famoso tema col fischio.

Nel frattempo, alle 20 al Cinema Mutua, primo appuntamento con le “Master Musica per Cinema”, la serie di incontri in pubblico con musicisti, registi e addetti ai lavori, che anche quest’anno si affida alla conduzione di Luca Bandirali (studioso di musica per il cinema) e Riccardo Giagni (musicista, musicologo e autore di colonne sonore per film come “Le ragioni dell’aragosta” e “Viva Zapatero”). Si comincia con Davide Ferrario e Laura Mazza, ovvero il regista e la coreografa del recentissimo “Tutta colpa di Giuda”, il film in visione subito dopo l’incontro: si tratta di un’insolita commedia musicale ambientata in un carcere, con le musiche originali firmate da Marlene Kuntz, Cecco Signa e Fabio Barovero, e con Kasia Smutniak, Fabio Troiano, Gianluca Gobbi, Luciana Littizzetto e Cristiano Godano nel cast.

La sera, a “Creuza de Ma’”, sale in cattedra la musica dal vivo. Il compito di fare gli onori di casa e inaugurare la serie di concerti – che venerdì vedrà di scena Teho Teardo con Alexander Balanescu e sabato Mauro Pagani con il suo trio – spetta domani (giovedì 10) alla Banda Musicale “Città di Carloforte” con un repertorio di temi tratti dalle colonne sonore di film celebri, appositamente trascritti e arrangiati: alle 22 in piazza Repubblica.

“Round Midnight” è infine l’appuntamento della notte. Curato dal giornalista musicale Enzo Gentile, propone, tutte le sere intorno alle 23:30, documentari musicali e videoclip a bordo del traghetto “Sara D”, ancorato in porto nella Diga Sud. L’apertura è un tributo a Woodstock, nel quarantennale dello storico raduno all’insegna di “pace e musica”.

Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito. Prenota un hotel Sardegna a Carloforte!

Per maggiori informazioni: www.festivalcarloforte.org