Questo sito contribuisce alla audience di

Domani a Cagliari la finalissima del quindicesimo Sottosuoni

Al Teatro Alfieri, alle 21, c’è la finale di “Sottosuoni”, la rassegna-concorso riservata ai talenti emergenti della scena rock di Sardegna, quest’anno alla sua edizione numero quindici.[...]

Al Teatro Alfieri, alle 21, c’è la finale di “Sottosuoni”, la rassegna-concorso riservata ai talenti emergenti della scena rock di Sardegna, quest’anno alla sua edizione numero quindici. Quattro le band in lizza (su ventitré iscritte) per la sfida decisiva: i loro nomi si conosceranno solo stanotte (venerdì 16), dopo la terza e ultima prova eliminatoria in programma al “Linea Notturna” (il locale in via Mameli).

Come sempre, ogni gruppo avrà quindici minuti di tempo per presentare dal vivo la propria musica e raccogliere il maggior numero di voti fra pubblico e giuria tecnica: la somma dei punteggi determinerà il vincitore, che verrà proclamato al termine della serata. In palio c’è la partecipazione al MEI di Faenza, il Meeting Etichette Indipendenti, del prossimo anno.

All’attesa per i verdetti finali di “Sottosuoni” edizione 2009, l’appuntamento di domani (sabato 17) al Teatro Alfieri unisce quella per il concerto dell’eclettica e talentuosa Beatrice Antolini, una delle novità più interessanti della scena indie nazionale. Ad accompagnare sul palco la giovane cantante e pianista-tastierista marchigiana, una band con Enrico Pasini alla tromba e al flicorno, Federico Fantuz alla chitarra, Luca Nicolasi albasso, Enzo Cimino alla batteria e Tommy Ruggero alle percussioni.

Precocissima, Beatrice Antolini suona dalla tenera età di tre anni: ha iniziato con le tastiere prima di iscriversi al Conservatorio. Partecipa a concorsi internazionali di musica classica ma non disdegna di suonare basso e batteria in gruppi dark e industrial. Dopo essersi diplomata nel 2002 come attrice alla scuola Teatro Colli di Bologna e aver scritto le musiche per vari spettacoli della compagnia, nel 2006 registra “Big Saloon”, debut album nel segno di un pop scherzoso e proteiforme che raccoglie ottimi consensi di critica e pubblico lanciando un lungo tour. Nel 2007 partecipa come ospite ai nuovi lavori di Baustelle e Bugo, oltre a comporre le musiche per lo spettacolo “Favolose Principesse” della scrittrice Silvia Roncaglia.

Un anno fa a ottobre è uscito il suo secondo album, “A due”, concepito e realizzato in quasi assoluta solitudine, in ideale continuazione e, allo stesso tempo, superamento del precedente “Big Saloon”. Caso quasi unico nel panorama musicale italiano, Beatrice Antolini ha scritto, arrangiato e suonato quasi tutti gli strumenti, imprimendo la propria personalità in ogni brano di questo disco che spazia fra accelerazioni di pop mutante e atmosfere psichedeliche, fra ballate anni Cinquanta e momenti di latin rock e new wave.

Nel frattempo, alle 19 alla Passeggiata Coperta del Bastione di Saint Remy (biglietti a 5 euro), si sarà tenuto il primo dei due appuntamenti dedicati alle danze rituali degli indiani d’America: un evento in linea con il tema centrale di questa edizione del Karel Music Expo, l’universo delle energie. La storia dei nativi americani ha dimostrato una profonda conoscenza della natura e del soprannaturale, di rituali iniziatici, tradizioni e costumi delle civiltà precolombiane. I superstiti di quelle popolazioni sono diventati i custodi delle antiche cerimonie rituali sulle quali la rassegna cagliaritana getterà uno sguardo in due serate. Domani (sabato 17) tengono banco le danze rituali degli Aztechi con i danzatori Ollinatl Contreras e Rocio Palacios, accompagnati dai tamburi di Jose Norman Flores Arellano. L’introduzione è affidata all’antropologo Agnese Sartori e a Stefano Salvatici, presidente dell’associazione culturale Non Solo terra. Prima di Cagliari, tappa a Carbonia, in mattinata, alle 11.30 all’Istituto di Istruzione Superiore “Amaldi-Gramsci” (in via delle Cernitrici, con ingresso gratuito).

Giovedì prossimo (22 ottobre, sempre alle 19 alla Passeggiata Coperta) sarà invece il turno dei indiani Lakota del nord America con Blessed Pipeman e Jeret White Eagle. Si replica l’indomani mattina (venerdì 23) alle 11.30 a Iglesias, all’Istituto Tecnico Commerciale e Geometri “Fermi”.

* * *

VOX DAY
tel. 070 84 03 45
E-mail: info@voxday.com
www.voxday.com