Questo sito contribuisce alla audience di

Esce in tutta Italia il nuovo album di Elena Ledda

Dopo il successo straordinario del suo penultimo lavoro discografico Rosa Resolza che le ha procurato due prestigiosi riconoscimenti come la targa Tenco e il Premio Loano nel 2007, Elena Ledda, la voce[...]

Dopo il successo straordinario del suo penultimo lavoro discografico Rosa Resolza che le ha procurato due prestigiosi riconoscimenti come la targa Tenco e il Premio Loano nel 2007, Elena Ledda, la voce della Sardegna, ritorna oggi con un nuovo album di grande intensità, prodotto anche questo da S’ardmusic e Jazz in Sardegna e distribuito in tutta Italia da Egea: “Elena Ledda – Cantendi a Deus”, dedicato interamente al canto sacro.

Un lavoro di grande espressività, emozionante, trascendentale, che nasce da una lunga ricerca sui canti sacri della tradizione, con la loro potente capacità comunicativa insieme a una primaria funzione sociale. “Cantendi a Deus” percorre un viaggio inedito nei brani originali cantati dalla voce intensa di Elena, recuperati e rivisti nel rispetto della tradizione, sotto la spinta propulsiva della contemporaneità. Come sostiene lei stessa: <

Inizia così: “Non fossi stato figlio di Dio, saresti ancora figlio mio”, citando Fabrizio De Andrè – “Ho sempre letto in questa affermazione il mio modo di essere credente. Credo nella sofferenza di Maria come donna e come madre.Credo nella passione di Cristo come uomo e come figlio a prescindere dalla Sua natura Divina. Il bisogno dello spirito prescinde dal dio nel quale crediamo e anche quando affermiamo di non credere in nessun dio, facciamo di tutto per “nutrirlo”. Credo che i nostri tempi esigano più che mai un profondo senso “spirituale”. Da questa esigenza, oltre che da un desiderio prettamente artistico, scaturisce questo mio appassionato cammino nel mondo del sacro.”

Il disco, presentato in anteprima a Cagliari per l’European Jazz Expo, nella Basilica di San Saturnino il 19 novembre 2009, è stato realizzato da un cast straordinario di dieci artisti tra i più importanti della Sardegna, di prestigio internazionale: Elena Ledda, Simonetta Soro, e Rossella Faa, voce, Mauro Palmas alle mandole e mandoloncello, Marcello Peghin alle chitarre, Gavino Murgia al sax, Silvano Lobina al basso, Andrea ruggeri alle percussioni, Su Cuncordu ‘e su Rosariu di S. Lussurgiu, l’attrice Lia Careddu, e Michele Palmas alla regia dei suoni.

Un album che subito dopo ha fatto il suo debutto dal vivo sul territorio nazionale a Roma il 15 dicembre presso la Basilica di San Lorenzo in Lucina, realizzato in collaborazione con Elenaleddavox e Jazz in Sardegna e inserito nell’ambito della rassegna “I Suoni dell’Avvento”. Da allora la voce incontrastata delle Sardegna è stata richiesta come ospite presso rassegne prestigiose quali “I concerti del Quirinale di Radio 3” che l’ha vista protagonista indiscussa in collegamento Euroradio il 19 gennaio 2010 a Roma nella Cappella Paolina del Palazzo del Quirinale in diretta su Radio3, oppure ospite il 30 gennaio 2010 del Dottor Djembè su Radio3, il varieta’ musical-radiofonico più surreale in circolazione di Davide Riondino e Stefano Bollani che in questa puntata ha ricevuto grandi ascolti e dove Elena Ledda ha cantato due brani in lingua sarda accompagnata da Stefano Bollani al pianoforte.

Inoltre il disco ha ottenuto ottime recensioni presso alcuni dei quotidiani nazionali più importanti come L’Unità, Il Manifesto, Avvenire, Latina Oggi, o in alcuni importanti webmagazine di musica come Beat Bop a Lula. Tra pochi giorni la portavoce della musica sarda nel mondo sarà inoltre ospite di Paolo De Bernardinis su Rai notte e su RAInews 24. La sua intensa attività di promozione dell’ultimo album prodotto da S’ardmusic e Jazz in Sardegna si accompagna a una serie straordinaria di concerti dal vivo nei circuiti musicali nazionali e internazionali di jazz e world music, tra i più prestigiosi del panorama europeo.