Questo sito contribuisce alla audience di

Come guardare una partita di scacchi

Un umoristico esempio di 'galateo' per lo spettatore di una partita a scacchi.

Come guardare una partita a scacchi

Supponiamo che abbiate trovato due persone che stanno giocando a scacchi. Probabilmente essi non si accorgeranno
assolutamente di voi, perciò potrete posizionarvi direttamente alle spalle di uno dei due giocatori, senza paura di essere
scoperto o notato.

A prima vista potrete pensare che essi siano entrambi morti, ma uno specchietto posto davanti alle labbra del giocatore più
vicino a voi, vi rivelerà una leggera patina di umidità, a riprova che è vivo. Presto noterete un leggero movimento di una
palpebra o di un sopracciglio, e a quel punto con un movimento come di un filmato al rallentatore, un pezzo verrà spostato da
un punto della scacchiera in un’altra casella.

In questo momento sarà meglio non accostarsi troppo alla scacchiera, perchè potreste essere intrappolato nella furia
dell’eccitazione del gioco. I giocatori possono anche per un attimo dimenticarsi di se stessi, al punto di accavallare le gambe
sotto il tavolo, oppure cambiare la mano sulla quale appoggiano la fronte. In questi attimi potrebbe accadere di tutto.

Quando l’eccitazione si sarà calmata un poco, potrete spostarvi (lentamente!) alle spalle dell’altro giocatore e lì attendere che
venga giocata la prossima mossa. Le prime volte potrete incontrare difficoltà a mantenere la concentrazione su quanto accade
sulla scacchiera. Ma questo si può ovviare con l’ausilio di alcuni trucchetti.

Per esempio, se fissate intensamente per lungo tempo le caselle bianche e nere, vi accorgerete che esse sembrano accavallarsi
e poi scambiare di posto. Cosi le caselle nere paiono diventare bianche e quelle bianche, nere. Alla fine, dopo aver mantenuto
questo esercizio per un pò di tempo, chiudete gli occhi e serrate le palpebre. Con gli occhi della mente, vedrete una esatta
riproduzione della scacchiera in rosa e verde. E’ a quel punto che molto probabilmente i giocatori saranno pronti per un’altra
mossa.

(Robert Benchley dal The Humorist - 1923 )