Questo sito contribuisce alla audience di

7. Case chiare e case scure

Una nuova partita commentatta didatticamente

La saletta d`analisi di Renato Clementi

CASE CHIARE & CASE SCURE

Quando si deve valutare l’utilità di un cambio vi sono diversi
fattori da considerare: l’attività del pezzo, la sua
potenzialita difensiva e offensiva, il valore nei confronti del
pezzo avversario, il rapporto che il pezzo ha con gli altri (il
pezzo potrebbe essere utile per bloccare i pezzi avversari,
oppure puo` essere d’intralcio ai propri pezzi), ecc. Uno dei
fattori piu` importanti e` sicuramente legato al controllo che il
giocatore ha sulle case chiare o su quelle scure. Come vedremo,
in questa partita un cambio errato priva il Bianco del dominio
sulle case scure, senza riuscire comunque a contrastare la
superiorita` del Nero sulle case chiare. Di qui la sconfitta.

Patrucco - Milanesi

1.e4 Cf6 2.e5 Cd5 3.c4 Cb6 4.d4 d6 5.exd6 [oggi
sembra meglio di 5.f4] 5…cxd6 6.d5 g6

I due giocatori hanno impostato un trattamento moderno dell’Alechine
e le idee sul modo di trattare queste posizioni non sono ancora
chiarite. La spinta g6 ha una sua logica perche’ cerca di
assumere il controllo della lunga diagonale scura, tuttavia non
sembra che il Nero abbia vita facile in questa variante. (Probabilmente
e’ preferibile giocare subito la spinta e5, approfittando del
fatto che al Bianco non conviene caturare en passant). E qui
occorre aprire una parentesi sui pedoni deboli. Osservate la
posizone che si forma dopo: 6…e5 7.dxe6 Axe6 8.Dc2 . Secondo la
teoria tradizionale il pedone d6, isolato e su colonna aperta,deve
esere considerato debole. Ma e` facile vedere che tale debolezza
e’ puramente teorica in quanto il Bianco avra` problemi a
impedire la spinta d6-d5, consentendo cosi` al Nero di liberarsi
del piccolo ingombro. Come regola pratica, si puo` affermare che
un pedone non va considerato debole fintanto che puo` proseguire
la sua marcia. Per tale ragione i pedoni “deboli” vanno
prima fissati e poi attaccati, e per lo stesso motivo prima di
restare con un pedone arretrato o isolato bisogna considerare non
solo i controlli che difendono il pedone, ma anche i controlli
sulle case antistanti. Osserviamo cosa succede se il Bianco
volesse sottrarsi al cambio del pedone. 8…d5 9.c5 C6d7 10.Ae3
Da5+ 11.Cd2 Cc6 e la posizione del Bianco fa pena. Ecco un
possibile seguito con 6…e5: 6…e5 7.Cc3 Ae7 8.Cf3 0-0 9.Ae2 C8d7
10.0-0 f5= (Grabarczyk-Kaminski, POL. 1998)

7.Dd4 f6 8.Cf3 [Interessante l’idea del maestro
Quendro: 8.h4!? Ag7 9.h5] 8…Ag7 9.Ad2 0-0 [Si
poteva giocare gia` adesso 9…e5 ] 10.Ac3 e5!
Bene, il Nero ha capito cio` che doveva fare. 11.dxe6 Axe6?!

Uhm, adesso credo invece che il Nero non abbia capito fino in
fondo. Che fretta c’era di catturare il pedone? Quello lo si
prende quando si vuole. Bisognava giocare Cc6, con il guadagno di
un tempo importante. Ad esempio. [11…Cc6 12.De4 Axe6!]

12.Ad3? Per fortuna il Bianco, che non s’accorge
di trovarsi in cattive acque, pensa di fare una tranquilla mossa
di sviluppo (qui era necessaria la spinta del pedone in b3 o Cbd2
per difendere c4). 12…Cc6 13.Df4 Ce5 14.Cxe5 dxe5 15.Df3
e4?
Una spinta di pedone del tutto errata. Che cosa
aveva in mente il Nero? Forse pensava di guadagnare un pezzo dopo
16.Dxe4 Af5? Chissa`.

[Un gioco semplice ed efficace era 15…Cxc4 16.Axc4 Axc4 17.Dxb7
Ad5+-; Forte sarebbe stata anche la spinta dell’altro pedone: 15…f5!
]

16.Axe4 Axc4 17.Cd2 Dopo questo guadagno di
tempo il Bianco puo` tirare un sospiro di sollievo. 17…f5
Adesso questa spinta e` debole. 18.Axg7 Te8 19.0-0-0!
Una buona mossa. 19…Axa2 20.Axf5? Questa
invece e` una mossa sbagliata. Era decisamente piu` forte [20.Ac3
fxe4 21.Cxe4 con la minaccia 22.Cf6+].

Ma il Bianco ha perso un pedone e desidera recuperarlo subito,
senza considerare che tutte le sue chance di controgioco stavano
nella superiorita` che aveva nelle case scure. Dopo la cattura
dell’Ag7 il Nero diventa padrone assoluto delle case chiare e il
Bianco non ha nulla da contrapporre.

Io credo che una buona scuola scacchistica dovrebbe insistere
molto sul concetto di dominanza dei colori nell’analisi
strategica. Ho potuto notare infatti che molti scacchisti
attribuiscono grande importanza alla conquista delle colonne
aperte o alla sistemazione dei pezzi sulle case forti, ma il loro
giudizio diviene molto piu` incerto quando devono riflettere sul
colore delle case. Eppure, come in questa partita, un errore di
valutazione significa la differenza tra una vittoria e una
sconfitta.

20…Rxg7 La cattura giusta. 21.Dc3+
Bravo. Il Nero ha ben capito che dopo il cambio delle Donne il
finale e` tutto suo. Osservate: il materiale e` pari e ciascun Re
fronteggia la maggioranza di pedoni avversaria, tuttavia i pezzi
Neri dispongono di ottime case chiare per manovrare. 21…Df6
22.Dxf6+ Rxf6

height="227">

Per esemplificare il concetto di case chiare e case scure,
proviamo adesso a tenere il conto di quante volte il gioco
avviene sulle case chiare.

23.Ac2 c2 = casa chiara. 23…Ad5
d5 = casa chiara. 24.f3 casa chiara. 24…Te2
casa chiara. 25.Ce4+ casa chiara. 25…Axe4
casa chiara. 26.Axe4 casa chiara. 26…Tc8+
casa chiara. 27.Rb1 casa chiara. 27…Cc4
casa chiara. 28.Tc1 casa scura.

La prima casa scura e` intervenuta dopo dieci volte in cui si e`
giocato sulle case chiare! L’aver tenuto l’Alfiere chiaro non e`
bastato al Bianco per difendersi, se invece avesse tenuto quello
scuro non ci sarebbe stato il cambio delle Donne e avrebbe potuto
controgiocare. Ecco la differenza!

28…Cd2+ 29.Ra2 Txc1 30.Txc1 Cxe4 31.fxe4 Txe4 32.Tc7 Te7
33.Tc3 h5
Un pedone in piu` e il Re piu` attivo: la
vittoria non deve sfuggire al Nero. 34.Tf3+ Rg5 35.Tg3+
Rh6 36.Rb3 Te2 37.Rc3 h4 38.Tg4 Rh5 39.h3 g5 40.Rd3?

Cosi` si perde in un baleno. Che cosa sperava il Bianco nell’abbandonare
il suo pedone b2 e l’intero lato di Donna? 40…Txb2 41.Re3
a5 42.Ta4 Txg2 43.Txa5 Tg3+ 44.Rf2 Txh3 0-1

Spero che nella vostra prossima partita dedicherete un po’ piu`
di attenzione al colore delle case!

Certamente al Brambilletti (il mio/vostro avversario preferito)
verra` un po’ di gastrite…

Per contattare l’autore:
xrena@tiscalinet.it

Mandate la vostra partita, quella che ritenete
migliore o che vorreste vedere commentata in questa rubrica.
Incollare il testo della partita nel form qui sotto (indicando
i dati dei giocatori, completi di categoria):