Questo sito contribuisce alla audience di

Concorso di colpa

Un nuovo racconto scacchistico di Manlio Baviera

racconti di scacchi

“Concorso” di colpa

di Manlio Baviera

Aveva commesso un errore.

Lo percepì chiaramente dal fatto che i suoi collaboratori evitavano di

rispondergli allo sguardo.

Aveva commesso un errore: era dannatamente chiaro.

Gli scacchi, purtroppo per lui, non ammettono la menzogna: scegliere una

variante piuttosto che un’altra, non é questione di estetica, o di

preferenza letteraria, è una scienza esatta. Alla fine chiedono il conto. E

lui aveva sbagliato.

Un errore, un dannato errore, sviato forse da chissà quali tortuosi percorsi

mentali, di ricerca della perfezione, da parte di chi perfetto non è… o

fu una pavida fuga…un errore… maledizione!

Aveva appena consegnato la mossa in busta e nel momento stesso si rese conto

che tutto era perduto.

Ma quell’americano era spavaldo, tremendamente forte, più forte di qualunque

altro avversario avesse mai incontrato; di più: era diabolico.

Improvvisamente si sentì umiliato.

Mai che fosse, non dico riuscito a metterlo nell’angolo, ma anche solo a

impensierirlo, insinuargli il dubbio, vederlo tentennare: mai.

In qualunque variante si fossero imbarcati, il campione sembrava percorrerla

mentalmente prima di lui e gli mostrava beffardo la chiave in suo possesso.

“Forse ho sbagliato” pensò guardando i tre accoliti che lo chiamavano

rispettosamente “presidente” chissà poi di che.

Presidente di cosa poi, del Kolchoz, dell’URSS, o di giuria?

Il piccolo specchietto della Zil nera, rifletteva i volti mesti dei quattro

nerovestiti, che all’imbrunire, si trovarono in una fredda cittadina di una

sperduta isola nell’oceano.

In basso, la spuma crespa incorniciava una nera lingua che ispezionava con

stolida regolarità gli anfratti scogliosi.

“Forse ho sbagliato” pensò tra sé il “presidente” se così possiamo

chiamarlo, e guatò con rabbia impotente, i due scherani di partito, che lo

seguivano e lo imitavano persino nel rinserrarsi il volto nel soprabito.

“Forse ho sbagliato” pensò nuovamente. E’ vero però, adduceva adesso a sua

difesa, in un immaginario confronto con un accusatore, ancora più

immaginario, che quell’americano sembrava leggergli nel pensiero.

“Forse ‘abbiamo’ sbagliato” gracchiò in un soprassalto e in quell’ ‘abbiamo’

sembrò riversare l’amarezza.

“Forse” echeggiò il braccio destro.

“Sbagliato” fece il secondo.

“Abbiamo sbagliato” pensò il più giovane dei quattro e si chinò a

raccogliere qualcosa di insolito che luccicava nel terriccio.

Gli altri avanzavano con lo sguardo perso in cerca di un punto su cui

fissare il pensiero, le braccia ciondolanti scimmiescamente.

“Forse ho sbagliato” pensarono insieme i quattro spergiuri.

Era una bellissima e preziosissima perla smarrita chissà da chi e quando,

sul terriccio antistante la nera scogliera.

Tristi rintocchi giungevano adesso, percorrendo impalpabili sentieri, da un

campanile lontano.

Il presidente Boris sentì un brivido percorregli la schiena e chissà per

quale associazione d’idee pensò al gelido inverno siberiano.

Il ragazzo raccolse il gioiello ma venne redarguito dal presidente: “E’

falsa” sentenziò erroneamente, invitandolo a liberarsene.

“E’ salsa” ripeterono gli altri due, che evidentemente avevano anche qualche

deficit uditivo.

Il giovane la lanciò via, fissando mentalmente il luogo per recuperarla in

un secondo tempo.

Inquadrandosi con gli altri tre, proseguì il cammino mentre gli sovvenne,

chissà mai perché, l’espressione “perle ai porci”.