Questo sito contribuisce alla audience di

I Grandi Campioni - Emanuel Lasker

Continua la nostra galleria sui campioni del mondo di scacchi

I grandi campioni di scacchi

I GRANDI CAMPIONI: EMANUEL LASKER

  (1868 - 1941)

Lasker fu il secondo Campione del Mondo di scacchi, dal 1894 al 1921. Nato a Berlinchen, in
Germania, il 24 dicembre 1868, imparò a giocare a scacchi dal fratello maggiore Berthold. Fin da
bambino mostrò buone attitudini e interesse per la matematica. Gli studi si orientarono dunque verso
questa materia, che proseguì fino all’Università di Erlagen.

Negli scacchi, raggiunse il livello di Maestro nel 1889, all’età di 21 anni. Nel 1892 vinse un torneo a
Londra, con mezzo punto di vantaggio su Blackburne. In seguito a ciò venne organizzato un match
tra i due e Lasker vinse. Da quel momento iniziò a pensare seriamente alla posisbilità di diventare
Campione del mondo. Lanciò una sfida a Tarrasch, che venne però respinta.

Allora decise di andare negli USA a sfidare l’ormai invecchiato campione del Mondo, Steinitz. Il
match per il titolo mondiale si svolse in tre differenti località, e secondo la regola che il primo a
raggiungere dieci vittorie sarebbe stato il campione. Le prime sei gare finirono con due vittorie a
testa. Poi Lasker vinse due partite di seguito e nella sessione finale a Philadelphia, Steinitz perse
tutte le partite. Così Emanuel Lasker divenne campione dle mondo a 25 anni.

Pur se con molte critiche e tra lo scettiscismo generale. L’accusa più frequente era quella di aver
vinto soltanto perchè Steinitz, ormai invecchiato (aveva 58 anni all’epoca del match), non
rappresentava più un ostacolo serio. Quello che ancora nessuno all’epoca poteva immaginare, è che
Lasker avrebbe non solo confermato in seguito di meritare il titolo, ma l’avrebbe detenuto per la
durata record di 27 anni.

L’anno successivo, il 1895, Tarrasch propose l’istituzione di un titolo di ‘Campione del mondo di
torneo’, e per assegnarlo si organizzò un grande torneo ad Hastings. I favori del pronostico
andavano a Lasker, Tarrasch stesso e Steinitz. A sorpresa invece vinse Pillsbury, lasciando la
contesa aperta. L’anno dopo, a S.Pietroburgo, venne organizzato un torneo chiuso con i primi
cinque della classifica finale di Hastings: Pillsbury, Chigorin, Lasker, Tarrasch e Steinitz (continua…)