Questo sito contribuisce alla audience di

Ugo Pirro: differenze tra sceneggiatura italiana e americana

Che differenze ci sono tra una sceneggiatura all'americana e una all'italiana?

Quali differenze ci sono tra una sceneggiatura all’americana e una all’italiana?
PIRRO: Per dirla in breve: la sceneggiatura all’italiana consiste nel fatto che sulla sinistra della pagina si scrivono le didascalie e ad ogni cambio di inquadrature si fa un doppio spazio - all’interno di un’inquadratura, poi, si distingue anche il movimento interno alla scena -; sulla destra si riportano gli effetti - gli effetti sonori, gli effetti di rumore – e i dialoghi. Non è che ci sia una grande differenza con la sceneggiatura all’americana: quest’ultima è scritta su tutta la pagina e il dialogo viene in mezzo. Ma la vera differenza consiste nel fatto che gli americano fanno quelle che si chiamano story body, cioè loro disegnano il film prima di girarlo; noi, al contrario, non disegniamo il film. La delineazione precisa delle inquadrature è possibile specialmente in teatro di posa perché si sa qual è il set; ma nel cinema italiano, che si fa dal vero, lo story body è impossibile da farsi. Questa è la vera differenza, a parte la forma grafica.