Questo sito contribuisce alla audience di

Ugo Pirro: differenze tra sceneggiature per la tv e il cinema

Che differenze ci sono fra una sceneggiatura per il cinema e una per la televisione?

Quali differenze ci sono fra una sceneggiatura per il cinema e una per la televisione?
PIRRO: Secondo i modelli attualmente in vigore nel cinema e nella televisione italiana moltissimi. Uno sceneggiato televisivo è fatto in gran parte di ripetizioni. Invece nel cinema la sintesi è maggiore: contano più le immagini che le parole. Questo modo di raccontare televisivo, che alcuni teorici dividono in primo atto, secondo atto, e terzo atto, fa sì che il prodotto è quasi sempre uguale, fa si che ci sia una ripetitività che è addirittura allarmante. Il vero stile cinematografico non è quello dei nostri sceneggiati. Bisogna ammettere che ci sono altre televisioni: per esempio la televisione inglese produce degli sceneggiati molto diversi, molto più dentro la realtà, con una ricerca molto attenta del modo di raccontare. Da noi sono un po’ tutti uguali e, mi dispiace dirlo, anche avvilenti: Il medico in famiglia lo trovo orrendo, lo trovo proprio spaventoso.