Questo sito contribuisce alla audience di

Non son degno di Tex

Vita, morti e miracoli del mitico ranger, nuova edizione aggiornata al 2008 - Un libro che è diventato un piccolo cult nel mondo del fumetto - Un lavoro mai fatto prima con tanta precisione e ricchezza

Claudio Paglieri

Non son degno di Tex

Vita, morte e miracoli del mitico ranger

Gli specchi, Marsilio Editori, pp. 144, € 12,00

Tutto il mondo di Tex «minuto per minuto» in una
nuova edizione aggiornata per i sessant’anni

della nascita dell’eroe creato da Gianluca Bonelli

«Ho letto il mio primo “Tex” in treno, da Genova a Finale, nel giugno del ’76. Era il numero 148, Kento non perdona», racconta l’autore. Da allora, Tex e Claudio Paglieri non si sono più lasciati, o meglio Claudio Paglieri non ha più lasciato Tex. Finché, dai e dai, gli è venuta l’idea di tirare le somme dell’avventurosa vita del ranger più famoso d’Italia, tutta spesa a «servire una giustizia superiore (la sua)» in un’implacabile lotta contro i «cattivi». Le ferite di striscio alla tempia, i duelli nelle ghost town al tramonto, le maxirisse nei saloon, le infinite sfide con Mefisto vengono passati al setaccio con puntigliosità e ironia. La prima edizione di questo libro, uscita nel 1997, suscitò grande curiosità e qualche gustosa polemica. Ora l’autore torna con una nuova edizione che aggiorna la ricerca statistica e analizza i cambiamenti del personaggio. Il risultato è un omaggio ad Aquila della Notte e ai suoi insostituibili pards, che da sessant’anni cavalcano l’onda di un meritato successo.

Un libro che è diventato un piccolo cult nel mondo del fumetto

Un lavoro mai fatto prima con tanta precisione e ricchezza

claudio paglieri è nato a Genova nel 1965. È giornalista e lavora al «Secolo xix». Per Marsilio, oltre a Non son degno di Tex (Palma d’oro al Salone dell’umorismo di Bordighera, 1997), ha scritto Mi chiamo Dog. Dylan Dog (1998) e il romanzo L’estate sta finendo (2001).

Il suo sito è www.claudiopaglieri.com