Questo sito contribuisce alla audience di

12

Sono pochi i registi rimasti oggi capaci di ritrarre con tristezza e compassione autentiche e per nulla sdolcinate il mondo così come noi abbiamo deciso che debba andare, tanto da averci ricordato l’umanesimo asciutto e virile di Akira Kurosawa e la sua pietà per gli esseri umani. Recensione din Tullio Di Francesco

12
di Nikita Mikhalkov

Con Nikita Mikhalkov, Sergei Makovetsky, Sergei Garmash, Aleksei Petrenko, Yuri Stoyanov, Valentin Gaft. Genere Drammatico, colore 153 minuti. - Produzione Russia 2007. - Distribuzione 01 Distribution

Russia, più o meno ai giorni nostri. 12 giurati si ritirano nella palestra di una scuola: sono chiamati a giudicare un giovane ceceno accusato di aver assassinato il padre adottivo, un ufficiale dell’esercito che lo aveva salvato dal teatro di guerra che insanguinava la regione separatista. Il caso appare evidente, la colpevolezza certa, la condanna (ergastolo) inevitabile. Eppure tra i 12 giurati c’è anche chi dubita delle apparenze più evidenti e, votazione dopo votazione, inizia a erodere il muro delle certezze, trasformando la discussione in un lungo gioco al massacro delle maschere sociali e individuali, fino ad un verdetto che si pensava impossibile…