Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • Invito a Teatro alla Rassegna "Sofia in Scena"

    “Nightmares of the Concentration Camp”, regia di Fabio Omodei (Sabato 27 Settembre ore 21.00 - 28 Settembre ore 17.30) e “L’Ospite”, regia di Paolo Alessandri e Lina Bracaglia (Domenica 27 Settembre ore 17,30 - 28 Settembre ore 21,00).

  • Ciarlatown - venerdì 26 a Castenedolo

    Vendere, vendere vendere! ; qualsiasi cosa in qualunque modo. Questo è il motto della Ke Te Serve Service , l agenzia per cui lavora il protagonista, un clown, un cialtrone del mercato globale, che cerca in tutti i modi di raggiungere gli obiettivi commerciali.

  • presentazione stagione Teatro Franco Parenti

    Il Teatro Franco Parenti continua il percorso avviato nella stagione passata, orientato a segnare gli orizzonti di un'identità che si evolve in rapporto alla grande tradizione teatrale e alle sollecitazioni della contemporaneità, ad aprirsi alla città come spazio di sperimentazione e di riflessione, ad accogliere e coinvolgere il pubblico, a stimolare idee e pensieri.

  • La malinconica

    Vi ricordiamo gioiosamente che la visione dello spettacolo è assolutamente ed irrimediabilmente GRATUITA

  • TRE-una storia d'amore al PiM Spazio Scenico fino al 18 maggio

    “Mi offro a te e ti permetterò di cenare con il mio corpo vivente. Non una macellazione, si tratterà di cena.”

  • Focus su Massimo Sgorbani

    6 spettacoli di un unico autore in 6 spazi di un unico teatro - Un progetto di Andrée Ruth Shammah - Dal 25 al 30 maggio 2008 al Teatro Franco Parenti

  • 6 serate per 6 spettacoli con Massimo Sgorbani

    Tutto il programma

  • residuiteatro.it

    news da Residui Teatro - maggio 08

  • Debutto: TRE - una storia d'amore

    DEBUTTO: TRE-una storia d'amore al PiM SPazio Scenico dall'8 maggio! Una coproduzione pianozerotre teatro e Compagnia Lombardi-Tiezzi in collaborazione con PiM Spazio Scenico e Scorta Civica Marosi

  • Nightmares from the LAGER

    “Nightmares from the LAGER” racconta la storia attraverso gli occhi di Adolf Eichmann (tenente-colonnello delle SS che nel corso della “soluzione finale” organizzò il traffico ferroviario che trasportava gli ebrei ai vari campi di concentramento) catturato dagli agenti del Mossad in Argentina e condotto a Israele per essere processato.