Questo sito contribuisce alla audience di

E LE STELLE STANNO A SBAGLIARE

Il CICAP controlla le previsioni degli astrologi per il 2004

Ormai siamo agli sgoccioli. Nelle poche ore che ci separano dal 2005, infatti, Osama Bin Laden dovrebbe morire per una malattia ai reni, e se ne dovrebbero andare (assassinati o meno) anche Saddam Hussein, Fidel Castro e il Papa; inoltre, dovrebbe finalmente arrivare la ripresa economica in Italia e dovrebbe venire catturato un dinosauro vivo!

O, almeno, questo è quello che i più famosi astrologi e veggenti del mondo prevedevano all’inizio del 2004 per il nuovo anno. «Le alternative sono due» dice Massimo Polidoro, Segretario nazionale del CICAP, «o i giornali usciranno nei prossimi giorni con enormi supplementi per stare dietro alla quantità di eventi che ci aspetta, oppure avremo l’ennesima conferma che gli astrologi hanno fatto fiasco un’altra volta».

***

Da oltre 10 anni, infatti, il CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale)* tiene sotto monitoraggio il lavoro di chi sostiene di potere prevedere il futuro. A tutt’oggi, però, nessuno ha ancora dimostrato di possedere realmente questa capacità. E le previsioni per il 2004 lo dimostrano.

Per l’astrologa Maria Carla Canta, per esempio, il conflitto iracheno si sarebbe chiuso entro l’anno (mentre è tutt’ora in corso). Per l’astrologo “Jupiter” le elezioni europee le avrebbe vinte il centro-destra (mentre le ha vinte il centro-sinistra), negli Stati Uniti, Bush sarebbe stato sconfitto da Hillary Clinton (Bush ha vinto e Hillary Clinton non si è nemmeno candidata) ed entro l’anno avremmo avuto la certezza della morte di Bin Laden (non risulta). Per il “Mago Johnny” il Papa sarebbe morto e la sua successione avrebbe scatenato «uno scandalo, nuove rivelazioni, sgomento e paura. Il Vaticano e il Clero saranno nell’occhio del ciclone» (non è successo niente del genere). Secondo la comunità astrologica di Oroscopofree, poi, la ripresa economica in Italia sarebbe stata evidente, con la riduzione dell’inflazione e una crescita degli investimenti in Borsa (la ripresa ancora non è arrivata).

Di gran lunga più cauto e generico Barbanera, secondo cui “grandi vecchi” avrebbero messo la propria saggezza ed esperienza a disposizione della società, una cerimonia di nozze “tra teste coronate o personaggi famosi” avrebbe attirato l’attenzione, ci sarebbero state polemiche e confronti tra il presidente del consiglio sia con esponenti politici che con i sindacati, e avremmo visto un’estate calda e un inverno freddo… Sebbene questo tipo di previsioni potrebbe farle chiunque, Barbanera aveva anche lui azzardato l’arrivo della ripresa economica e, addirittura, una concordia tra partiti di governo e opposizione «mai vista prima». E, infatti, non si è vista nemmeno questa volta.

Ben più originali e arrischiate (anche se totalmente sbagliate) le previsioni dei veggenti e degli astrologi americani. Secondo i gemelli Terry e Linda Jamison, per esempio, Saddam Hussein sarebbe stato ucciso dall’esercito americano all’inizio dell’anno: la sua cattura, invece, non era stata prevista da nessuno. Sempre loro, poi, avevano previsto la morte del Papa in giugno.

Il sensitivo Anthony Carr prevedeva che sarebbe stata portata a termine la prima gravidanza maschile, Osama Bin Laden sarebbe stato catturato e portato a New York vivo o morto e un terremoto avrebbe distrutto Hollywood. Per la veggente Martha Henstridge il Segretario di stato Colin Powell sarebbe passato con i Democratici ed entro l’anno sarebbe stato brevettato un congegno che avrebbe permesso di vincere la forza di gravità. Niente di tutto ciò si è verificato.

«Dunque, non solo veggenti, astrologi e sensitivi hanno di nuovo sbagliato le loro previsioni» commenta Polidoro «ma, come sempre, non hanno visto nessuno degli eventi davvero importanti dell’anno. Nessuno, per esempio, ha previsto i terribili attacchi terroristici in Spagna e nella scuola di Beslan in Ossezia, la morte del leader palestinese Arafat o le torture sui prigionieri in Iraq. Proprio come in passato nessuno aveva previsto gli attacchi dell’11 settembre o la tragica fine di Lady Diana, sulla quale ogni anno si sprecavano le previsioni astrologiche».

«Del resto, l’astrologia non è una scienza» spiega Stefano Bagnasco, fisico dell’INFN, Università di Torino, e coordinatore per il CICAP del Gruppo di studio sull’astrologia. «Sono state fatte decine di verifiche sperimentali sull’astrologia e tutte hanno sempre dato esito negativo: non solo l’astrologia non serve per prevedere eventi futuri, ma non permette nemmeno di descrivere il carattere di una persona, come invece molti sarebbero portati a credere».

Bagnasco ha anche curato per il sito del CICAP uno documentatissimo speciale sull’astrologia (www.cicap.org/astrologia) dove questa disciplina viene analizzata da più parti.

Ma possibile che non si trovi un astrologo davvero bravo? «Il CICAP è sempre desideroso di poter tentare nuove sperimentazioni» concludono Bagnasco e Polidoro, «sarebbe per tutti noi una grande soddisfazione trovare qualcosa di interessante! Purtroppo, dopo i primi risultati negativi è sempre più difficile trovare astrologi disposti a collaborare a una sperimentazione adeguatamente controllata; saremo perciò ben lieti di prendere in considerazione proposte in questo senso. Ricordiamo, infatti, che è anche possibile fare domanda per concorrere al Premio Randi: un milione di dollari in palio per chi riuscirà a dimostrare di poter fare previsioni serie e controllabili del futuro».

A giudicare dalle previsioni per il 2005, che stanno già comparendo sui giornali americani, però, il Premio Randi non sembra correre grandi rischi. Secondo i veggenti statunitensi, infatti, nel nuovo anno ci sarà un omicidio a bordo dello Shuttle diretto verso Marte, Osama Bin Laden sarà colpito da una cometa e il ritrovamento di un manoscritto inedito di San Paolo rivelerà che mangiare con una forchetta è peccato…

Articolo tratto dal sito del CICAP